mercoledi` 22 marzo 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le istruzioni di Hamas per il terrorismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
08.01.2023 300.000 firme per il popolo iraniano
Commento del direttore Massimo Giannini

Testata: La Stampa
Data: 08 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Massimo Giannini
Titolo: «300.000 firme per il popolo iraniano»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 08/01/2023, a pag.1, con il titolo "300.000 firme per il popolo iraniano" l'appello del direttore Massimo Giannini.

Massimo Giannini insulta Lega e Salvini:
Massimo Giannini

Women's protests overshadow Iran's World Cup loss | AP News

Lo ripeto sempre: un fondo non salva il mondo. E dunque le poche righe che state leggendo non cambieranno di una virgola il Grande Libro della Storia. Ma ci portiamo nel cuore le paure e le speranze di centinaia di migliaia di ragazze iraniane che ormai da quasi quattro mesi scendono in piazza ogni giorno, rischiando e perdendo la loro vita, per protestare contro una teocrazia ottusa, opprimente, feroce. Hanno cominciato il 16 settembre, il giorno in cui Mahsa Amini, 22 anni appena compiuti, fu uccisa di botte dalla "Polizia Morale" perchÚ non portava il velo in modo corretto. Da allora non si sono pi¨ fermate. Ogni mattina escono dalle loro case, organizzano cortei nelle strade, manifestano nelle universitÓ. Vengono pestate a sangue dai paramilitari, vengono arrestate, vengono giustiziate. Ma vanno avanti. Ormai in Iran la lotta delle donne Ŕ diventata la battaglia di un intero popolo, soggiogato da un khomeinismo oscurantista, umiliato da una Sharia intollerante, represso da una Guardia Islamica brutale. Siamo giÓ arrivati a quasi 600 vittime innocenti, di cui pi¨ di 60 bambini. La rivolta dilaga ovunque e finalmente anche in Occidente qualcosa si muove. Era ora. Da parte nostra, abbiamo fatto l'unica cosa che ci sembrava possibile, al di lÓ del racconto degli orrori commessi dal regime contro i suoi figli. Abbiamo lanciato una raccolta di firme, all'inizio per chiedere al governo iraniano la sospensione della pena capitale e la liberazione di Fahimeh, giovane insegnante e madre di tre figli, anche lei condannata a morte "per aver fermato il traffico". Siamo stati letteralmente travolti dalle adesioni, in tre settimane siamo arrivati a oltre 300 mila firme, tra cittadini comuni e personalitÓ della politica, della cultura, dello spettacolo. Una partecipazione mai vista, che ci ha convinto ad ampliare il senso dell'iniziativa e a compiere un gesto "politico": oggi depositiamo le 300 mila firme all'ambasciata di Teheran a Roma. Per chiedere che siano rispettati i diritti umani e civili di tutte le iraniane e gli iraniani. Per gridare insieme a loro Zan, Zendegi, Azadi: Donna, Vita, LibertÓ. Noi ci crediamo. Noi ci battiamo. Chi salva una vita, salva il mondo intero.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT