venerdi 09 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
23.11.2022 Iran, insorge il Kurdistan
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 23 novembre 2022
Pagina: 22
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Insorge il Kurdistan, e il regime ha paura»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 23/11/2022 a pag.22 con il titolo "Insorge il Kurdistan, e il regime ha paura", il commento di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

Kurdistan, dalla nazione all'utopia - Il webdoc di Rainews.it

Lo spettro siriano si aggira per l'Iran e il regime degli ayatollah reagisce con la massima brutalità. Un video verificato dalla Bbc in persiano documenta come le Guardie rivoluzionarie abbiano usato addirittura le mitragliatrici contro un corteo di protesta nella città curda di Javanroud. Le immagini mostrano poi persone coperte di sangue, a terra. Una strage, almeno sette morti. In tutto il Kurdistan iraniano le vittime nel fine settimana sarebbero invece trenta. Un bilancio da guerriglia, più che da manifestazioni di massa. I sostenitori del governo pubblicano a loro volta video con presunti rivoltosi curdi che incendiano le case dei Pasdaran nella zona di Mahabad, il capoluogo regionale. È questo scenario che inquieta il presidente Ibrahim Raisi e i suoi consiglieri, molto più che la protesta delle donne. L'insurrezione dei curdi, circa il dieci per cento della popolazione, concentrati nel Nord-Ovest montuoso del Paese. Una rivolta su base etniche che potrebbe poi coinvolgere altre minoranze. Gli arabi nel Sud, i baluci nell'Est. La balcanizzazione strisciante della Repubblica islamica. Fin dall'inizio delle proteste per l'uccisione di Mahsa Amini, anche lei di etnia curda, il regime ha usato due registri. Quello militare nel Kurdistan, e quello affidato più alle forze di polizia, e almeno all'inizio più morbido, a Teheran e nelle altre grandi città persiane. E anche ieri la repressione militare contro i curdi si è estesa oltre il confine, in Iraq, con raid sulle base del Pak, il Partito curdo della libertà, separatisti curdo-iraniani. Mentre il presidente turco Erdogan bombarda Kobane e minaccia l'invasione, Raisi fa altrettanto. Nel 1946 Mahabad è stata la capitale dell'unico Stato curdo indipendente, anche se soltanto per un anno e di fatto sotto il controllo dell'Urss. A Teheran temono una replica, questa volta sotto l'egida degli Stati Uniti. E sono pronti a tutto per stroncare la rivolta curda.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT