domenica 14 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
18.10.2022 'Un'altra iraniana rapita e uccisa'
Commento di Fabiana Magrì

Testata: La Stampa
Data: 18 ottobre 2022
Pagina: 16
Autore: Fabiana Magrì
Titolo: «'Un'altra iraniana rapita e uccisa'»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 18/10/2022, a pag.16, con il titolo "Un'altra iraniana rapita e uccisa" il commento di Fabiana Magrì.

Risultati immagini per fabiana magrì
Fabiana Magrì

jîna on Twitter:
Pardis Javid

Un altro sorriso e un altro sguardo immortalati in una foto, e un altro nome di giovane donna, Pardis Javid, circolano sui social. Li accompagnano didascalie sospese tra il sospetto e la certezza che un'altra ragazza curda, 20 anni, scomparsa da giorni, sia infine stata uccisa. Gli eventi che hanno travolto la studentessa dell'Università di Sanandaj sono stati appurati e divulgati dall'organizzazione per i diritti umani Hengaw il 14 ottobre, ma risalgono alla settimana precedente. Nel rapporto pubblicato sul sito si legge che Pardis Javid è stata prima ferita dal fuoco diretto delle forze di sicurezza iraniane durante le proteste nella capitale del Kurdistan, sabato 8 ottobre, e poi rapita. Gli attivisti riportano la versione di una «fonte attendibile» e di «testimoni oculari», secondo cui la polizia, con «violenza indescrivibile», ha portato via la giovane dopo aver bombardato l'abitazione di una sua concittadina che le aveva aperto la porta di casa per offrirle rifugio. In dieci giorni, nonostante i tentativi della famiglia di ottenere informazioni, nessuna notizia è più trapelata sulla posizione e sulle condizioni di Pardis Javid. Fino a ieri, quando lo scenario più tetro ha iniziato a delinearsi, secondo alcuni account Twitter. Teheran insiste nell'attribuire la responsabilità delle proteste delle ultime settimane alle interferenze dei nemici internazionali e non risparmia minacce di ritorsioni. Anche all'indirizzo di Riad che, secondo le Guardie della Rivoluzione, è responsabile di mezzi di comunicazione in lingua persiana all'estero che incoraggiano il dissenso. «State attenti al vostro comportamento e controllate i vostri media altrimenti - ha dichiarato il comandante iraniano Hossein Salami - il fumo vi tornerà negli occhi». L'Europa, dopo aver valutato interventi contro i responsabili delle repressioni violente di proteste pacifiche, è passata a vie di fatto. Con «decisione unanime», il Consiglio Affari Esteri dell'Ue ha approvato un pacchetto di sanzioni, dal divieto di rilascio del visto al congelamento dei beni, che colpiranno undici persone e quattro entità iraniane. L'Europa «agirà sempre contro le gravi violazioni dei diritti umani», ha twittato l'Alto rappresentante della politica estera Josep Borrell. Intanto, secondo l'agenzia Lapresse, Alessia Piperno, la 28enne travel blogger italiana arrestata nelle scorse settimane a Teheran, potrebbe non trovarsi più nel carcere di Evin da prima della rivolta e dell'incendio scoppiati sabato, sedati con un bilancio di otto morti. Secondo Karimi Davood, presidente dei rifugiati politici iraniani in Italia, sarebbe stata trasferita in un'auto con targa diplomatica a un altro penitenziario per proteggerla dagli atti di sommossa, a quanto pare, già pianificati.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT