giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
06.10.2022 Iran: assassinata dal regime la sedicenne Nika
Commento di Fabiana Magrì

Testata: La Stampa
Data: 06 ottobre 2022
Pagina: 22
Autore: Fabiana Magrì
Titolo: «Il martirio di Nika»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 06/10/2022, a pag.22, con il titolo "Il martirio di Nika" il commento di Fabiana Magrì.

Risultati immagini per fabiana magrì
Fabiana Magrì

Nika Shahkarami uccisa a 16 anni: cantava contro il regime in Iran. Foto e  video | Oggi
Nika Shahkarami

Anche Nika, come Mahsa, è morta con il cranio fracassato. Da chi, non è ancora certo, ma i sospetti sono tutti sulle forze di sicurezza della Repubblica islamica. La magistratura iraniana aveva dichiarato, martedì, di aver aperto un'indagine sulla morte dell'adolescente Nika Shahkarami. Scomparsa durante le proteste che da tre settimane si sono accese in varie città iraniane come reazione all'uccisione di un'altra giovane donna, Mahsa Amini, la 22enne deceduta tre giorni dopo essere stata arrestata dalla polizia morale per non aver indossato correttamente lo hijab, il velo islamico. Il cadavere della sedicenne Nika è stato trovato dalla famiglia in un obitorio di Teheran, dieci giorni dopo l'ultimo messaggio vocale di lei a un'amica, in cui sosteneva di essere inseguita dalla polizia. La famiglia, ha rivelato poi che le forze di sicurezza avrebbero intimato loro di evitare la cerimonia funebre per la ragazza. Ne avrebbero quindi prelevato il cadavere per seppellirlo in un villaggio a 40 chilometri dal luogo dove era prevista la sepoltura, a Khorramabad, la città di origine del padre. «Il caso è stato depositato presso il tribunale penale per indagare sulle cause della morte - ha replicato il procuratore di Teheran Ali Salehi all'agenzia di stampa ufficiale Irna - e sono state adottate le misure necessarie al riguardo». Poi ieri, i risultati dell'autopsia sul corpo della ragazza curda iraniana sono stati resi noti dall'Irna, che ha riportato le dichiarazioni di Mohammad Shahriari, funzionario della magistratura della Repubblica islamica: «Fratture multiple al bacino, alla testa, agli arti superiori e inferiori» indicherebbero, secondo il dirigente iraniano, che Nika Shahkarami è precipitata, «lanciata dall'alto». «Non sono stati trovati segni di proiettili», ha aggiunto, e quindi «l'incidente non ha nulla a che fare con i recenti disordini». Ma per la famiglia la ragazza aveva «la testa fracassata e il naso fratturato», e sul corpo della giovane c'erano segni di stupro e di torture «suture, cuciture fatte a mano», e gli organi interni erano stati rimossi. Mentre sua zia sua zia Atash Shakarami ha rivelato che nell'ultimo messaggio ricevuto la nipote le diceva di «essere inseguita dalle forze di sicurezza». Segno che Nika potrebbe essere stata picchiata e torturata a morte dagli agenti, come con tutta probabilità è accaduto a Mahsa. Un'altra vittima della repressione, sempre più giovane, come sempre più giovani sono i manifestnati. Universitari ma anche liceali, degli atenei e scuole superiori in varie città dell'Iran, da Teheran a Karaj a Zanjan, da Mashhad a Kerman, a Shiraz. Un'ondata così diffusa non si vedeva in Iran da quasi tre anni. In alcuni filmati, condivisi online, studentesse abbandonano le aule di studio e prendono parte a flash-mob per evitare di essere scoperte. Il regime cerca soffocare le proteste anche sui social, con blocchi quasi totali di Internet, mentre le forze di sicurezza sono impegnate a domare le strade, uccidendo decine di persone e arrestandone a centinaia. Secondo la Ong svedese Iran Human Rights, che riporta i numeri raccolti dal portale dei dissidenti iraniani all'estero Iran International, almeno 154 persone uccise, compresi 9 minori. Una repressione feroce che sta attirando la condanna globale. L'Unione Europea si è unita agli Stati Uniti nell'avvertimento di nuove e severe sanzioni, misure punitive nei confronti di alti funzionari iraniani come il congelamento dei beni e sospensione del diritto di viaggiare. Ma l'Iran rimbalza le minacce, accusando chi gli punta l'indice contro di alimentare le proteste. L'ambasciatore britannico Simon Shercliff è stato convocato a Teheran dal ministero degli esteri iraniano, in segno di protesta contro le critiche di Londra agli interventi delle forze iraniane durante le manifestazioni per Mahsa Amini, ritenute «false e provocatorie» dalla Repubblica islamica.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT