mercoledi` 05 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.08.2022 Pechino vìola la linea nello Stretto e taglia i rapporti con l’America
Analisi di Priscilla Ruggiero

Testata: Il Foglio
Data: 06 agosto 2022
Pagina: 2
Autore: Priscilla Ruggiero
Titolo: «Pechino vìola la linea nello Stretto e taglia i rapporti con l’America»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 06/08/2022, a pag. 2, l'analisi di Priscilla Ruggiero dal titolo "Pechino vìola la linea nello Stretto e taglia i rapporti con l’America".

Chinese booster rocket makes uncontrolled fall to Earth - Taipei Times

Roma. Durante il secondo giorno di esercitazioni militari, ieri le Forze armate cinesi hanno raggiunto un record di 68 incursioni aeree e hanno fatto passare 13 navi della marina intorno a Taiwan. Lo ha fatto sapere con un tweet ufficiale il ministro degli Esteri taiwanese Joseph Wu: “Molti hanno attraversato la linea mediana dello Stretto per simulare attacchi. Questa pericolosa escalation della minaccia militare sta minando la pace e la stabilità dell’isola e deve essere condannata”. Se nelle giornate della visita e della ripartenza di Nancy Pelosi a Taipei la preoccupazione di Pechino è stata quella di dare una dimostrazione di forza soprattutto all’interno – ai cinesi e ai taiwanesi – ieri la Repubblica popolare è passata alla risposta americana, e lo ha fatto usando l’arma della diplomazia. Il ministero degli Esteri cinese ha annunciato l’imposizione di sanzioni alla Pelosi e alla sua famiglia, e il ritiro della cooperazione congiunta con gli Stati Uniti in otto punti: tra questi c’è l’annullamento del dialogo tra i funzionari della Difesa statunitensi e cinesi e la sospensione della cooperazione sul rimpatrio degli immigrati illegali, sul cambiamento climatico e sulle indagini sulla criminalità internazionale. Dopo cinquant’anni dalla visita di Nixon in Cina, ieri i rapporti tra Pechino e Washington hanno toccato i minimi storici – nonostante negli ultimi tempi fossero già parecchio incrinati. A Tokyo, nell’ultima tappa del suo tour asiatico, Pelosi ieri ha risposto alle sanzioni affermando che la Cina non riuscirà a isolare Taipei impedendo ai funzionari statunitensi di viaggiare nell’isola, e che la sua visita non aveva lo scopo di cambiare lo status quo di Taiwan ma quello di mantenere la pace nello Stretto.

Taiwan condemns North Korea-style Rocket Firing by China - KSHVID
Xi Jinping

Washington dice di essere preparata alle mosse di Pechino, ma al termine della riunione dell’Asean in Cambogia, il segretario di stato americano Antony Blinken ha descritto le esercitazioni militari cinesi come una “significativa escalation” e “senza giustificazione”, classificando la reazione cinese come “un’esagerazione” ed esortando Pechino a fare marcia indietro. “Voleremo, navigheremo e opereremo ovunque il diritto internazionale lo consenta”, ha detto Blinken. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha anche dichiarato al Washington Post di aver convocato l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti Qin Gang per condannare le azioni della Cina contro Taiwan. Intanto nell’isola di Formosa continua lo show di forza di Pechino: la presidente taiwanese Tsai Ing-wen in un videomessaggio alla nazione ha esortato il mantenimento della calma sottolineando che Taiwan non intende “né inasprire il conflitto né istigare controversie”, ma che continuerà “a difendere con determinazione la sovranità e la sicurezza della nazione come baluardo della democrazia e della libertà”. Ieri l’Esercito popolare cinese ha violato con 49 caccia cinesi la parte orientale della linea mediana – il confine non riconosciuto ufficialmente tra Taiwan e Cina che corre nel mezzo dello Stretto – e per questo motivo le Forze armate dell’isola si sono trovate costrette a inviare aerei e navi e dispiegare sistemi missilistici per monitorare la situazione. Non vogliamo una guerra, ma siamo pronti in caso di combattimento, questo è il messaggio del ministero della Difesa taiwanese. Ma da parte di Pechino non si vedono segnali di distensione, e aumenta il rischio che fino a domenica, quando le esercitazioni dovrebbero concludersi, un errore di calcolo militare vicino all’isola possa innescare una pericolosa escalation.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT