martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
22.07.2022 I timori per un'Italia in bilico e atlantista 'solo a parole'
Commento di Alberto Simoni

Testata: La Stampa
Data: 22 luglio 2022
Pagina: 17
Autore: Alberto Simoni
Titolo: «I timori per un'Italia in bilico e atlantista 'solo a parole'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 22/07/2022, a pag.17 con il titolo "I timori per un'Italia in bilico e atlantista 'solo a parole' " l'analisi di Alberto Simoni.

Stati Uniti-Italia, le sfide comuni

Washington osserva la crisi italiana non senza stupore per le modalità in cui si è dipanata, e con grande preoccupazione per gli esiti. Le frasi ufficiali sono di attesa e «di rispetto e sostegno al processo costituzionale in Italia». Nessun commento – su carta intestata ufficiale - sulla politica interna. Quel che un portavoce del Dipartimento di Stato consegna invece a La Stampa è «un ringraziamento a Mario Draghi per la sua costante leadership durante un periodo di sfide per l'Italia e il mondo». Parole semplici che rimarcano la profonda sintonia che si è registrata fra l'ex numero uno della Bce e Washington. Fonti diplomatiche rimarcano che soprattutto sul dossier delle sanzioni che un'incerta Europa stava per varare e la determinazione nel fornire armi agli ucraini, il premier uscente è stato determinante e una «preziosa sponda» per gli americani. Ed è una sponda che mancherà da questa parte dell'Oceano, come aveva fatto intendere nei giorni dello scoppio della crisi politica John Kirby, portavoce del Consiglio per la Sicurezza nazionale, ribadendo la «vicinanza fra Biden e Draghi sull'Ucraina». Ma si tratta anche di voltare pagina e puntare l'attenzione su quel che accadrà quando – a elezioni consumate – un nuovo esecutivo prenderà le redini del Paese. Per questo a Washington si sottolinea che si continuerà a lavorare «insieme e da vicino» su un ventaglio di questioni di primarie importanza, fra cui il «sostegno all'Ucraina contro l'aggressione russa». Gli sherpa e i diplomatici studiano, analizzano e cercano di captare quel che succederà. È un lavoro di raccolta di minute e scambio di informazioni lungo i tradizionali canali diplomatici e di meeting presso i think tank della capitale che più seguono le vicende italiane, da cui i diplomatici traggono indicazioni sugli equilibri e sui possibili volti della prossima stagione governativa. Se gli appunti che tornano sui desk dei vari uffici del Dipartimento di Stato servono a delineare scenari, gli incontri con gli analisti però consentono di recapitare messaggi e dettagliare le preoccupazioni. A Washington nessuno dubita della linea atlantica dell'Italia, la postura internazionale – è convinzione – non subirà scossoni, nessun ritorno insomma a un'oscillazione filorussa come in passato. O almeno non in modo nitido. Ma persino «un governo che si dichiara atlantista a parole e nei principi può benissimo interferire con le azioni americane». Significa che la linea di condotta su tutta una serie di dossier su cui finora le due sponde dell'Atlantico sono andate a braccetto – un esempio oltre all'Ucraina è la linea intransigente sulla Cina, o la postura militare Usa nel Mediterraneo che si regge su basi e avamposti in Italia - potrebbe vacillare in nome di una definizione diversa degli interessi nazionali. Quel che potrebbe succedere, lo spiega un analista, è una ritirata dall'impiego per così dire di prima linea sull'Ucraina a posizioni di importante rincalzo. Tradotto, dopo tre pacchetti di armi a Kiev votati dal Parlamento, fra qualche mese gli aiuti potrebbero passare dalle armi «al sostegno economico e assistenza umanitaria». Il segnale di cambio di direzione politica sarebbe evidente. I temi caldi sono molti. L'espansione della Nato, il conflitto in Ucraina, ma anche il fronte Sud del Mediterraneo sono questioni che intersecano dossier diversi. E le pressioni sul nuovo esecutivo saranno tante. Per questo servono leader capaci e dotati di esperienza e il salto da Draghi a qualcun altro appare a Washington se non un balzo del buio qualcosa di simile. «Temo – si sbilancia un diplomatico statunitense con lunghe frequentazioni italiane – l'abilità di reggere un certo tipo di pressioni da parte di nuovi e non testati politici». Il riferimento principale che la fonte avanza è a Meloni e Salvini, «in quanto favoriti nei sondaggi», ma il ragionamento si adatta anche a figure di altri schieramenti. Non sfugge agli osservatori delle vicende europee ed italiane, inoltre che il protrarsi del conflitto in Ucraina sta generando la cosiddetta "sanctions fatigue". La pressione sull'Europa e la crisi del gas e del petrolio con i rincari dei prezzi rendono complicata la gestione dei prossimi mesi. «E toccherà al nuovo governo affrontarla con una popolazione esausta per l'inflazione galoppante». Dinanzi a questo, le richieste – si ragiona ad alta voce – di «una sorta di disimpegno progressivo» potrebbero intensificarsi. Ed è questo che sul lungo termine resta la principale preoccupazione degli Stati Uniti. Enunciare la fedeltà atlantica insomma potrebbe non bastare nell'era post-Draghi.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT