venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
08.07.2022 Putin contro la Nato
Commento di Anna Zafesova

Testata: La Stampa
Data: 08 luglio 2022
Pagina: 19
Autore: Anna Zafesova
Titolo: «Putin avverte la Nato: 'In Ucraina ho solo cominciato'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 08/07/2022, a pag. 19, con il titolo "Putin avverte la Nato: 'In Ucraina ho solo cominciato' ", l'analisi di Anna Zafesova.

Immagine correlata
Anna Zafesova

La Russia che chiude Memorial è un Paese che restaura il passato - di Anna  Zafesova [editoriale]
Vladimir Putin

«In Ucraina non abbiamo ancora nemmeno iniziato»: Vladimir Putin torna dopo una pausa nello spazio mediatico per annunciare quello che «tutti devono sapere». All'incontro con i capigruppo della Duma - seduto, come ormai da tradizione del Cremlino, da solo, con gli interlocutori all'altro capo di un enorme tavolo - il presidente russo vorrebbe ostentare sicurezza, quando legge da un foglietto il testo della sua dichiarazione estremamente aggressiva. La guerra in Ucraina è «colpa dell'Occidente collettivo», che cerca lo scontro con la Russia per "contenerla", ma «gli occidentali dovrebbero ormai aver capito di aver perso fin dall'inizio»: la retorica bellicosa di Putin è tutta diretta verso la comunità internazionale, che accusa esplicitamente di aver scatenato la guerra e di volerla combattere «fino all'ultimo ucraino». «Vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia, ci provino pure», è la minaccia lanciata dal capo del Cremlino. Una svolta nella retorica della propaganda russa: non più "nazisti" ucraini, ma una guerra tra Mosca e resto del mondo, una sfida globale. Sono toni che vari esponenti politici mediatici del regime avevano già utilizzato, ma Putin finora non era mai stato così esplicito nel considerare l'Ucraina una nozione geografica, scagliandosi contro «l'Occidente collettivo». Che, secondo il presidente russo, è già stato sconfitto nel momento in cui è stata lanciata la "operazione militare speciale", il 24 febbraio scorso, perché «è una rottura cardinale dell'ordine mondiale all'americana, l'inizio della transizione verso un mondo davvero multipolare». Le invocazioni del diritto internazionale e della «autentica sovranità» suonano surreali nel contesto dei missili che anche ieri sono piovuti sulle città ucraine, ma Putin insiste che la «guerra per il Donbass» come lui la chiama sia stata voluta dagli occidentali già nel 2014, ripetendo la solita propaganda sul «golpe a Kiev». La guerra ha «consolidato la sovranità russa», le sanzioni «creano difficoltà, ma non quelle in cui speravano gli occidentali», e «più si andrà avanti più sarà difficile negoziare con noi»: il presidente russo parla come se non fosse lui il leader più sanzionato e isolato del mondo, e come se le difficoltà del suo esercito, della sua economia e anche della sua stessa nomenclatura non esistessero. Non è chiaro se questa apparizione sia stata pensata dal Cremlino più a beneficio dell'opinione pubblica interna - dopo che perfino nei talk show della propaganda qualcuno ha fatto dichiarazioni critiche sulla "operazione militare speciale" - e dei parlamentari, o se i leader della Duma fossero stati usati soltanto come comparse per un messaggio intimidatorio da indirizzare all'Occidente. L'ondata di arresti di potenti tra Pietroburgo e Mosca negli ultimi giorni fa pensare a uno scontro tra vari gruppi al Cremlino, anche alla luce dei tagli alla spesa pubblica che colpiscono influenti gruppi di oligarchi. E ieri il sito Dossier ha rivelato che l'ex presidente Dmitry Medvedev, diventato negli ultimi mesi il più radicale portavoce del regime, sarebbe stato lasciato da sua moglie Svetlana: «Il divorzio potrebbe essere stato provocato dal suo stato psichico instabile rispecchiato dai suoi post», dicono le fonti dei giornalisti russi.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT