domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
24.06.2022 Liliana Segre: 'Combattiamo l'odio con le parole, insieme'
La intervista Paolo Colonnello

Testata: La Stampa
Data: 24 giugno 2022
Pagina: 15
Autore: Paolo Colonnello
Titolo: «'L'odio si può combattere con le parole i giovani non devono avere paura'»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 24/06/2022, a pag.15, con il titolo 'L'odio si può combattere con le parole, i giovani non devono avere paura' l'intervista di Paolo Colonnello.

Risultati immagini per paolo colonnello
Paolo Colonnello

Liliana Segre e le leggi razziali alla Maturità 2022: di cosa parla La sola  colpa di essere nati
Liliana Segre

L'anima sbarazzina della ragazza sopravvissuta in lei come al solito le fa rompere gli schemi anche nel corso di un momento ufficiale come la presentazione dei risultati della Commissione da lei fortissimamente voluta sulla diffusone dei discorsi d'odio. «Avevo un testo scritto ma poi ho preferito parlare a braccio». Ride divertita Liliana Segre che, con i suoi 91 anni, si scopre ancora una volta molto più vicina ai giovani di quanto non avrebbe mai immaginato. Tra i temi della maturità dedicati al libro scritto con Gherardo Colombo e i risultati della Commissione parlamentare, esiste un collegamento preciso: la memoria e la condivisione. «È così. Sono stata molto meravigliata di ritrovarmi tra i temi della maturità e anche molto contenta. In fondo sono più di trent'anni che giro per le scuole e il fatto che alla fine il 18 per cento dei maturandi abbia scelto il nostro libro, "La sola colpa di essere nati", è un segnale importante. Non tutto è perduto. L'ho trovato consolante, il coronamento di una lunga fatica e una combinazione importante con i risultati della Commissione, raggiunti all'unanimità. Cosa niente affatto scontata. È un po' come se fossero maturati tutti quanti: studenti e parlamentari».

Perché? «Beh perché nel corso delle audizioni e dei temi da affrontare non è che fossero sempre tutti d'accordo. Ma alla fine una parola di pace si è trovata ed è stato molto bello arrivare all'unanimità. Devo dire che per il 99 per cento è stato merito del senatore Verducci, vicepresidente e relatore».

Su che cosa tutti si sono trovati d'accordo? «Sul fatto che il problema dell'odio diffuso è un problema reale e che sono i social e il web i principali diffusori dei discorsi razzisti o discriminatori. E che spesso gli scambi di opinione su questi mezzi fomentano l'odio, non lo placano. Cose risapute forse, ma un conto è immaginarsele, un conto è averle analizzate approfonditamente».

Lei stessa ha voluto parlare di un odio che sente tatuato sulla pelle. .. «E come si sa, non è solo una metafora. Da piccola mi dicevano "muori", mi ritrovai espulsa dalla scuola a 8 anni, nonostante tutto il mio amore per la maestra e la scuola diventando una bambina invisibile. Perché i crimini di odio nascono proprio con le parole. Mi è stato chiesto perché ho voluto la Commissione: questa è la risposta, perché io l'odio l'ho vissuto e tutt'ora ne sono bersaglio, tanto che alla mia età mi tocca girare ancora con la mia adorabile scorta».

Lei è anche un monumento di speranza vivente. «Io come tipo, come carattere, come donna, sono sempre stata molto realista e con i piedi per terra. Se devo vedere il bicchiere di solito lo vedo mezzo vuoto e non mezzo pieno. Ma cerco di correggermi continuamente e lo farò fino alla fine».

Le piacerebbe leggere uno dei temi della maturità? «Tantissimo, ma credo sia impossibile. Penso che scegliendomi i giovani abbiano scelto anche una connessione con la mia storia e ne sono orgogliosa».

Un viatico per loro? «La forza di credere in se stessi. Ed è inutile paragonare la marcia della morte a quella della vita. Sono due cose distinte e se parli con me devi accettare che nella marcia della vita non ci si può appoggiare a nessuno ma bisogna essere forti da soli. Guardare avanti senza paura. Questo dico ai ragazzi».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT