domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
24.06.2022 Kurt Volker: 'L'Ucraina deve resistere qualche mese poi la controffensiva sfinirà Putin'
Intervista di Alberto Simoni

Testata: La Stampa
Data: 24 giugno 2022
Pagina: 9
Autore: Alberto Simoni
Titolo: «'L'Ucraina deve resistere qualche mese poi la controffensiva sfinirà Putin'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 24/06/2022, a pag.9 con il titolo 'L'Ucraina deve resistere qualche mese poi la controffensiva sfinirà Putin' l'intervista di Alberto Simoni.

Kurt Volker, Ex-Special Envoy To Ukraine, Caught Up In Impeachment Inquiry  : NPR
Kurt Volker

L'Ucraina deve resistere per qualche mese, tenere congelato il conflitto e poi lanciare la controffensiva grazie alle armi che gli americani stanno inviando. Nella testa di Zelensky è questo il piano, spiega Kurt Volker già ambasciatore Usa alla Nato ma soprattutto inviato speciale sino al 2019 per i negoziati in Ucraina. Conosce bene Zelensky e il gruppo di potere che oggi guida la resistenza di Kiev e non prevede arretramenti. Piuttosto, a preoccupare Volker, sono le posizioni di alcuni leader europei «disposti a fare concessioni a Putin, e questo è un atteggiamento pericoloso perché denota una mancanza di convinzione nel sostegno all'Ucraina».

Ambasciatore Volker, al vertice Nato e al G7 i leader faranno un bilancio e una valutazione della strategia dell'Occidente verso Mosca sul piano delle sanzioni, sulle prospettive diplomatiche e sul confronto militare. Partiamo dalle sanzioni, stanno funzionando? «Stanno iniziando ad avere un impatto e nel tempo le cose diventeranno ancora peggiori per la Russia. Mosca sta già avendo difficoltà a rispettare i pagamenti del suo debito; l'impossibilità di importare alcuni materiali e prodotti sta impedendo di produrre missili di precisioni e altri strumenti fondamentali per l'esercito».

How civilians are supporting Ukraine's war effort - Vox

Sul fronte dei combattimenti i russi stanno guadagnando terreno, il Pentagono ritiene che però la perdita di tutto il Donbass non sia inevitabile. Qual è la strategia Usa e di Kiev? «Si regge essenzialmente sull'efficacia della consegna delle armi. E questo è un punto complicato. Bisogna accelerare non solo la spedizione ma anche la produzione di armamenti vari. Finora gli Usa hanno garantito consegne pari a 10-12 volte di più degli alleati perché pochi altri Paesi hanno materiale a sufficienza negli arsenali. E stiamo arrivando a un punto in cui l'America o attinge alle proprie riserve o chiede all'industria bellica uno sforzo maggiore e più rapido».

Armare l'Ucraina resta quindi la chiave del conflitto? Non crede possano in tempi brevi aprirsi scenari negoziali? «Zelensky sta lottando per cacciare la Russia dal territorio ucraino e preservare la sovranità del suo Paese. Su questo non ci sono arretramenti e nessuna resa. E il popolo è con lui. Fino alla sera dell'invasione – e dal 2014 – la Russia stava già combattendo in Ucraina e ne stava occupando parte del territorio, ma la gente sembrava rassegnata a credere in una linea del cessate il fuoco esistente. Ora no, ora tutti vogliono che i russi siano cacciati dal Paese e Zelensky ha il pieno sostegno».

Come si declina questa forza di resistenza in una strategia bellica? «È possibile che le difese ucraine riescano a fiaccare i russi, fermandone l'offensiva o limitandola. A questo punto un esercito sfibrato da un'avanzata lenta e costosa potrebbe subire una controffensiva da parte ucraina. Certo questa mossa si regge su quel che ho detto prima: la consegna e l'utilizzo di molta artiglieria sempre più sofisticata».

Russia pours more troops into Ukraine after meeting heavy resistance |  Financial Times

Resistere e contrattaccare. È il linguaggio che Biden ha assunto, pur se non così esplicito, nelle ultime settimane. «Il presidente si è arrabbiato per la retorica del Pentagono e di Blinken e li ha invitati ad abbassare i toni. Non significa però che l'obiettivo, scacciare i russi sostenendo con le armi l'Ucraina, sia svanito».

Vede spazi per i negoziati con Putin in questo periodo? Gli europei tengono aperti canali di dialogo. E gli Usa? «Non credo ci sia spazio per i negoziati».

Non li vuole Putin? «Non li vogliono in queste condizioni nemmeno gli americani». Canali di dialogo ci sono però. «Probabilmente a livello di servizi, sicuramente fra vertici militari. Ma sono comunicazioni, non negoziati. Fin quando i russi continueranno a combattere in Ucraina non vedo a Washington tutto questo desiderio di intavolare un dialogo».

Ma gli europei spingono, non teme possa incrinarsi l'asse Washington-Europa? «Gli europei sono molto interessati a tenere aperto il dialogo con Putin, sperano di convincerlo a terminare il conflitto. Il rischio però è che si facciano concessioni che poi non si possono garantire. Per esempio, Macron dice che non bisogna umiliare Putin e che l'Ucraina deve prevedere di cedere parte del suo territorio: è pericoloso, così si mostra poca convinzione nel sostegno a Kiev. Detto questo non credo che questo intaccherà le relazioni transatlantiche».

Cosa si attende dal summit Nato di Madrid? C'è molta attesa per la definizione di nuovo concetto strategico e delle sfide del prossimo decennio. «Così doveva essere, ma eviterei di puntare il cannocchiale così avanti. La cosa più importante sarà l'adesione di Svezia e Finlandia. Poi la Nato dovrà rispondere alle minacce che incombono adesso da parte della Russia. Potrebbe arrivare la sospensione del Nato Russia Founding Act, non è un passo fondamentale, ma rientra in una definizione di concetto strategico che ci dice che il rischio di un conflitto tradizionale in Europa è molto reale. La Nato si focalizzerà su questo. E quindi sul dispiegamento di truppe in Polonia, Romania e Baltici, laddove serve per rafforzare la deterrenza.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT