lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
01.05.2022 Mario Draghi: 'Giusto aiutare l'Ucraina a difendersi'
Cronaca di Ilario Lombardo

Testata: La Stampa
Data: 01 maggio 2022
Pagina: 16
Autore: Ilario Lombardo
Titolo: «Draghi tira dritto sulle armi: 'Coerenti con la difesa di Kiev'»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 01/05/2022, a pag.16 con il titolo "Draghi tira dritto sulle armi: 'Coerenti con la difesa di Kiev' " la cronaca di Ilario Lombardo.

Immagine correlata
Ilario Lombardo

Mario Draghi,
Mario Draghi

Per Mario Draghi si tratta di «coerenza». Sia che si parli di armi da inviare a Kiev, sia che si affronti nuovamente il voto in Parlamento sulla delega fiscale. «Coerenza», secondo il premier, vuole dire dare senso alle parole quando si tratta di impegni precisi. Come nel caso della guerra in Ucraina. Per Draghi è importante mantenere la promessa fatta al presidente Volodymyr Zelensky. Ribadita pubblicamente e nelle ultime ore ai collaboratori: e cioè che L'Italia farà di tutto, «d'accordo con gli alleati, con l'Europa e con la Nato, per aiutare la resistenza ucraina». Il punto è capire fino a dove il governo italiano spingerà questa promessa. Ed è una domanda a cui il presidente del Consiglio potrebbe essere costretto a rispondere a breve. Sia perché tra otto giorni volerà a Washington, ospite alla Casa Bianca del presidente Joe Biden, sia perché il presidente del M5S Giuseppe Conte minaccia lo strappo se il prossimo decreto ministeriale conterrà l'invio di tank e altri armamenti pesanti. Tra Draghi e l'ex premier ci sono stati contatti nelle scorse ore. Conte ha fatto sapere di avergli consegnato la delibera del Consiglio nazionale del M5S. Dove è scritto che si opporranno agli aiuti militari che «travalicheranno le esigenze legate all'esercizio del diritto di legittima difesa sancito dall'articolo 51 della Carta dell'Onu». Un riferimento questo che ha fatto storcere il naso a molti a Palazzo Chigi. Innanzitutto perché la differenza tra armi difensive e offensive, che è un po' il cuore del ragionamento di Conte, è considerata da Draghi di non immediata comprensione. «Nessun intento bellicista o guerrafondaio» sostiene il premier. Tanto più che il terzo decreto, quello che in teoria conterrà le armi più pesanti, è al momento solo un ipotesi . Molto, secondo la Difesa, dipenderà dalle richieste degli alleati americani, da cosa decideranno di fare Emmanuel Macron e gli altri partner Ue, e dall'evoluzione del conflitto con la Russia. Una variabile, quest'ultima, che condiziona anche la pianificazione del viaggio del premier italiano a Kiev. Stando a fonti di Palazzo Chigi a questo punto la finestra disponibile prima della visita in Usa potrebbe essersi chiusa. Più probabile che Draghi vada in Ucraina dopo l'incontro con Biden. Ci sono state interlocuzioni con lo staff francese per valutare un viaggio a tre, assieme al presidente francese e al tedesco Olaf Scholz , ma nulla, per ora, viene confermato. Nel frattempo Draghi lavora al discorso che terrà martedì davanti al Parlamento Ue riunito a Strasburgo e riflette sull'andamento delle riforme. La nuova frenata del centrodestra sulla delega fiscale - e sul catasto - non gli è piaciuta. Per il premier vale l'impegno preso dai partiti al termine del vertice prima di Pasqua. Il 9 maggio il testo è atteso in Aula, alla Camera. E potrebbe arrivarci senza relatore. La Lega ha fatto sapere che in caso di fiducia uscirà dall'emiciclo. Ma porre la fiducia, a questo punto, per Draghi sta diventando un'opzione che non può più essere esclusa.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT