sabato 24 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Rassegna Stampa
07.05.2002 UNA GIUSTA PREOCCUPAZIONE
UNA GIUSTA PREOCCUPAZIONE

Testata:
Autore: Umberto De Giovannangeli
Titolo: «Basilica di Betlemme, si arena la trattativa»
Ecco alcuni elementi di riflessione.
Scrive De Giovannangeli

La trattativa si Ŕ bloccata nel cuore della notte. Ormai vedevano la fine dell'assedio spiega una fonte della Chiesa cattolica, ma poi gli israeliani hanno preteso di raddoppiare il numero dei palestinesi da esiliare????."
PerchÚ le richieste di Israele, del tutto legittime trattandosi di terroristi, sono sempre considerate delle "pretese" che ostacolano il successo di una trattativa? Dice Padre Jaeger, portavoce dei francescani in Terra Santa: "Noi deploriamo che vi sia chi insiste nel prolungare questo tormento, ci˛ non Ŕ pi¨ accettabile"
Il "tormento", pare di leggere fra le righe, Ŕ solo quello dei palestinesi. C'Ŕ qualcuno che pensa a quei poveri soldati, spesso giovani di 20 anni, che da pi¨ di un mese si trovano in una situazione critica, lontano da casa, con il rischio di venire uccisi dai terroristi che sono asserragliati all'interno della Chiesa e, oltre a ci˛, vengono accusati da tutto il mondo cristiano di "assediare" un luogo di culto?

Ancora.

Intanto in Italia il possibile trasferimento di una parte dei palestinesi (quelli che Israele indica quali autori di gravissimi attentati) ha scatenato una bufera politica. La comunitÓ ebraica ha subito manifestato il timore di vedere arrivare in Italia pericolosi terroristi, Giulio Andreotti invece si Ŕ fatto vivo per sollecitare "un atto di solidarietÓ internazionale e di caritÓ cristiana".

Al di lÓ degli intenti di "caritÓ cristiana" di Andreotti su cui ci sarebbe da disquisire parecchio, Ŕ opportuno rilevare, visto che il giornalista non ritiene di farlo, che forse una certa preoccupazione alberga nell'animo non solo della ComunitÓ israelitica ma di molti italiani.
Verranno in Italia come turisti e quindi con la possibilitÓ di fare propaganda palestinese (della quale peraltro non ce n'Ŕ affatto bisogno), oppure saranno messi in carcere?
La differenza Ŕ notevole e la preoccupazione degli italiani (ebrei e non) Ŕ pi¨ che legittima.


Invitiamo i lettori di informazionecorretta.com ad esprimere le loro opinioni su questo articolo scrivendo alla redazione dell'UnitÓ Cliccando sul link sottostante si aprirÓ una mail pronta per essere compilata e spedita.


lettere@unita.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT