sabato 25 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
29.04.2022 In Russia arrestati i giornalisti che dicono la verità. Il caso di Maria Ponomarenko
Commento di Jacopo Iacoboni

Testata: La Stampa
Data: 29 aprile 2022
Pagina: 11
Autore: Jacopo Iacoboni
Titolo: «Ponomarenko in cella per aver detto la verità sul teatro»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 29/04/2022 a pag.11 con il titolo "Ponomarenko in cella per aver detto la verità sul teatro" il commento di Jacopo Iacoboni.

Rousseau, Jacopo Iacoboni:
Jacopo Iacoboni

Maria Ponomarenko: la giornalista russa arrestata per aver scritto  dell'attacco al teatro di Mariupol - Open
Maria Ponomarenko

Mentre in Italia negazionisti di Bucha e propagandisti del Cremlino sono in tv a «dire la loro», in Russia si arrestano e si processano, con il rischio di decine di annidi galera, giornalisti ormai eroici che dicono il vero sulla guerra. Dopo il caso del politico Vladimir Kara-Murza, tocca adesso alla reporter Maria Ponomarenko finire in carcere (fino al 22 giugno) con l'accusa di aver «diffuso disinformazione sull'esercito russo», ossia aver riferito che era stato bombardato dai russi il teatro drammatico di Mariupol mentre era pieno di civili, con centinaia di morti (alla fine il bilancio è stato di 300 morti) . Ria Novosti, l'agenzia del Cremlino, ha raccontato così la cosa, giusto per farvi un'idea dei livelli di falsità a cui è ormai giunto il regime: «Maria Ponomarenko ha diffuso un falso su un presunto attacco delle forze aerospaziali russe a un teatro drammatico a Mariupol. Secondo il dipartimento militare russo, il teatro è stato fatto saltare in aria dai nazionalisti Azov». Chi dice il contrario va in cella. Ponomarenko, che ha due figlie di 16e 13 anni, lavora per il canale RusNews, ma il procedimento penale che le viene intentato è per la pubblicazione di informazioni il 17 marzo in un canale Telegram con 1600 persone. «Andrà tutto bene. Ognuno avrà quello che merita», ha detto Maria, chiusa in una gabbia durante l'udienza che ha convalidato l'arresto. Quasi lei a rincuorare noi. «Ovd-Info» ha ricordato che Ponomarenko era già stata arrestata nei 2021, mentre raccontava le manifestazioni che chiedevano il ritorno al voto per i comuni del territorio di Altai, e nel marzo 2022, per i reportage scritti sule manifestazioni contro la guerra a Novosibirsk È stata anche più volte multata, una volta ripresentò in tribunale con una maschera con la scritta «Putin dimettiti». Il vecchio non sopporta di esser sfottuto da una donna di 44 anni. Solo dall'approvazione (il 5 marzo) della nuova legge, che punisce fino a 15 anni chi pubblica quelle che secondo Putin sono «fake news», il regime ha arrestato tanti giornalisti e attivisti (senza contare i circa 200 reporter indipendenti fuggiti all'estero). A San Pietroburgo l'artista Sasha Skochilenko è stato incarcerato perché sospettato di aver sostituito i cartellini dei prezzi nei supermercati con informazioni sui civili uccisi nell'attentato al teatro Mariupol. Sono stati messi in cella il giornalista ucraino Dmitry Gordon e una serie di giornalisti russi, che meritano tutti di essere nominati e non dimenticati: Isabella Yevloeva (Fortanga), Sergei Mikhailov (Listok), Mikhail Afanasyev (Novyi Fokus) Ilya Krasilshchilc, Alexander Nevzorov, Andrey Novashov (Sibir.Realii, Tayga.info). Questa è la Russia oggi, un carcere a cielo aperto sempre più simile alla Corea del Nord.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/ 65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT