domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
27.10.2021 La biblioteca dove l'uomo si fa libro
Commento di Elena Loewenthal

Testata: La Stampa
Data: 27 ottobre 2021
Pagina: 21
Autore: Elena Loewenthal
Titolo: «La biblioteca dove l'uomo si fa libro»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 27/10/2021, a pag.21, con il titolo "Il no al fascismo di Giorgia Meloni" il commento di Elena Loewenthal.

Risultati immagini per elena loewenthal
Elena Loewenthal

The babel... - The babel library - la biblioteca di babele

Che cosa c'è di più umano, persino di troppo umano - per dirla filosoficamente - di una biblioteca? Di un luogo dove si conservano le parole scritte, ovunque esso sia? Forse, da oggi c'è la "Human Library", in Danimarca: un luogo, anzi tanti nel Paese, dove l'umano diventa libro e viceversa in una straordinaria compresenza, in un incontro davvero inedito. Da oggi, infatti, chiunque potrà entrare in uno dei tanti luoghi di queste rete - librerie, musei, scuole, festival ed eventi - e prendere in prestito per trenta minuti una storia, cioè una persona che racconta la propria. Ci sarà una sorta di menù con narrazioni per tutti i gusti, e la storia si farà nella parola di chi racconta e nell'ascolto di chi ha chiesto di sapere: nel dire e nell'imparare. Che cosa c'è di più umano di un libro? Da Adamo in poi, il privilegio e la vocazione di tutti noi che siamo venuti dopo è né più né meno della parola: ciò che ci distingue dagli altri animali, ci forma, ci dà vita. La lingua non è soltanto un meraviglioso strumento di comunicazione: è prima ancora l'ossatura di cui sono fatti il nostro cervello, il nostro pensiero e le nostre emozioni. Che ci vuole, dunque, a trasformare in un libro una persona che racconta la propria storia, magari travagliata e difficile da accettare, e in un lettore chi ascolta, magari con curiosità, magari con diffidenza, magari con la gioia di scoprire leggendo - anzi ascoltando - qualcosa di sé che prima non sapeva? Questa idea della "Human Library Organisation", società non profit che desidera con ciò offrire uno spazio e un tempo per il dialogo, di ragionare sulla diversità e sul disagio sociale al di là d'ogni giudizio, è al tempo stesso meravigliosamente geniale e scontata. Perché che ci vuole a trasformare una vita in un racconto, una persona in un libro aperto? Niente, in fondo, perché questa è proprio la pasta di cui tutti siamo fatti. Ma ci vogliono anche tanta fantasia e tanta fiducia nel prossimo, perché trasformare una vita in un libro aperto, in pagine da ascoltare, è un atto di coraggio verso l'umana capacità di mettersi nei panni degli altri, di provare a riconoscersi in storie che non sono la nostra. Amos Oz, un grande scrittore che sarebbe oggi entusiasta di questo progetto perché il sogno di ogni grande scrittore è quello di ascoltare storie altrui per metterle in pagina, diceva sempre che ogni libro sono tre: il primo è quello che lo scrittore compone, il secondo è quello che avrebbe voluto scrivere (ma ne è uscito uno diverso), il terzo è quello che ogni lettore del mondo trova a modo suo, pagina dopo pagina. Con il progetto danese, questi tre libri si moltiplicano all'infinito proprio come nella biblioteca impossibile di Jorge Louis Borgés, dove tutto è già stato scritto e basta cercarlo.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostate

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT