mercoledi` 20 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Io sono Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
14.10.2021 Roma: quei sostenitori di Michetti antisemiti
Commento di Flavia Amabile

Testata: La Stampa
Data: 14 ottobre 2021
Pagina: 9
Autore: Flavia Amabile
Titolo: «La propaganda antisemita via etere»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 14/10/2021, a pag. 9 con il titolo "La propaganda antisemita via etere", la cronaca di Flavia Amabile.

Radio Radio - Il buongiorno di Mimmo Politanò e Ileana...
Mimmo Politanò

Mimmo Politanò da oltre vent'anni collabora con Radio Radio, l'emittente che ha lanciato Enrico Michetti, il candidato sindaco di Roma per il centrodestra. Conduce un programma che si intitola «Accarezzami l'anima» dove affronta temi vari. In una delle ultime puntate, per esempio, si è occupato di pavimento pelvico e di infertilità. Oppure pubblica sul suo profilo Twitter appelli come «Scegli da che parte stare: tra i vigliacchi o fra gli eroi?». Lui ha scelto. Sostiene Michetti.

Elezioni Roma, abbiamo trovato il programma integrale di Enrico Michetti:  eccolo
Enrico Michetti

Nel suo ultimo monologo, però, invece di parlare di una città dove i parchi sembrano giungle e le strade sono piene di buche ha deciso di concentrarsi sull'Olocausto. Ha detto che «dobbiamo pensare a tutti gli Olocausti. Dobbiamo pensare che Lenin era ebreo e ha ucciso moltissima gente, che Kissinger è ebreo ed ha ucciso moltissima gente. Allora dobbiamo pensare questo se veramente vogliamo dare un passo in avanti nell'evoluzione umana. Altrimenti rimarremo sempre lì, sotto il giogo del senso di colpa, perché io ho un senso di colpa da quando sono nato, come se io avessi commesso l'Olocausto». Ora può stare tranquillo e provare qualche senso di colpa anche verso il povero Michetti che stava faticosamente tentando di far dimenticare il suo ultimo scivolone sulla Shoah.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT