lunedi` 15 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
27.07.2021 Russia: colpiti ancora i dissidenti
Commento di Giuseppe Agliastro

Testata: La Stampa
Data: 27 luglio 2021
Pagina: 15
Autore: Giuseppe Agliastro
Titolo: «Mosca blocca il sito di Navalny e di altri 50 dissidenti»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 27/07/2021, a pag.15, con il titolo "Mosca blocca il sito di Navalny e di altri 50 dissidenti" l'analisi di Giuseppe Agliastro.

Risultati immagini per giuseppe agliastro la stampa
Giuseppe Agliastro

Risultati immagini per stalin putin
Vladimir Putin davanti a un ritratto di Stalin

Ignorato dalla tv russa, largamente controllata dal Cremlino, Alexey Navalny è diventato il rivale politico numero uno di Putin sfruttando sapientemente Internet per farsi conoscere. Ora però le autorità russe hanno messo nel mirino pure i siti legati al dissidente rinchiuso in carcere: ieri - riportano numerosi media - l'agenzia statale che controlla le telecomunicazioni ha bloccato il sito web Navalny.com e altri 48 indirizzi internet legati a organizzazioni di Navalny o a suoi alleati. Un duro colpo, l'ennesimo giro di vite del Cremlino contro il dissenso in vista del voto di settembre.

Il motivo ufficiale del blocco - secondo l'agenzia Interfax - è che queste «risorse online» sarebbero state «usate perla propaganda» di organizzazioni dell'oppositore definite «estremiste» in Russia. Si tratta in pratica degli uffici regionali di Navalny e della Fondazione Anticorruzione le cui inchieste online hanno messo tante volte in imbarazzo i potenti vicini a Putin: enti dichiarati «estremisti» con una mossa ritenuta di matrice politica. La sentenza di fatto ha reso illegali queste organizzazioni e ha impedito a molti alleati di Navalny di candidarsi alla Duma. In questi mesi alcuni dissidenti hanno lasciato la Russia, altri stanno avendo grane con la giustizia. Navalny stesso è stato arrestato e poi incarcerato lo scorso inverno, non appena ha rimesso piede a Mosca di ritorno dalla Germania, dove era stato curato per un avvelenamento dietro il quale si sospettano i servizi segreti russi. Il direttore del Fondo Anticorruzione Ivan Zhdanov è stato inserito nella lista dei ricercati. La portavoce di Navalny, Kira Yarmish, è ai domiciliari con l'accusa di aver violato le norme anti-Covid per un corteo contro l'arresto dell'oppositore. L'ex deputato Dmitry Gudkov a giugno ha lasciato la Russia dopo essere stato arrestato e rilasciato per un caso che secondo lui è stato montato per impedirgli di candidarsi. Nel 2021 un giornale è stato definito «indesiderabile» e di fatto bandito e altri tre sono stati bollati con l' etichetta di «agente straniero»: tra questi The Insider, che ha collaborato con Bellingcat a inchieste scomode per il Cremlino.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT