sabato 18 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
10.07.2021 Il Libano nelle mani di Hezbollah (cioè dell'Iran)
Commento di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 10 luglio 2021
Pagina: 17
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Valigie di soldi e aiuti da Teheran, così Hezbollah si prende il Libano»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 10/07/2021, a pag.17, con il titolo "Valigie di soldi e aiuti da Teheran, così Hezbollah si prende il Libano", il commento di Giordano Stabile.

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile


L
'Iran dietro Hezbollah

La strada che scende verso l'incrocio fra Tabaris e Charles Malek è già intasata di auto. I benzinai della stazione Tamoil si sbracciano e urlano come ossessi per far passare l'autobotte con il rifornimento. In fila ci sono le auto scassate dei "service", i taxi collettivi, accanto a Suv enormi. Il prezzo della benzina è raddoppiato rispetto alla settimana scorsa ma resta irrisorio al cambio in nero, quattromila al litro, pari ormai a 20 centesimi di dollaro. Il problema è che puoi mettere soltanto venti litri. E per chi viaggia molto per lavoro si tratta di farsi ore di coda ogni giorno. E per chi non ha entrate in dollari la benzina, assieme a tanti altri beni primari, sta diventando inaccessibile. All'angolo c'è un capannello di gente davanti al cambista del quartiere. «Addeish al-dullar al-youm?». A quanto il dollaro oggi?, è il ritornello. Diciannovemila lire. Venti mesi fa, prima della "rivoluzione", del Covid, era ancora a 1500. Il naufragio è lento, ma i flutti della marea arrivano adesso anche i quartieri benestanti, compresi quelli cristiani. L'Electricité du Liban, l'azienda pubblica, eroga dalle due ore di luce al giorno. I generatori privati non possono sopperire, perché si surriscaldano. Di notte, dall'una alle sette, è blackout totale. Da undici mesi il premier incaricato, il sunnita Saad Hariri, prova a formare il governo chiesto da Emmanuel Macron subito dopo l'esplosione al porto del 4 agosto. E bloccato dai veti incrociati e sta per gettare la spugna. L'influenza della Francia si sfilaccia, persino fra i cristiani. Sono soprattutto le divisioni fra le Forces libanaises, gli ex falangisti ostili a Hezbollah, e il partito del presidente Michel Aoun, filo-sciita, a impedire l'intesa. Il Libano affonda ma dal gorgo rischia di emergere un solo vincitore, il Partito di Dio, legato a doppio filo all'Iran. È quello che temono le cancellerie occidentali. Teheran è già pronta a offrire carburante gratis, con la mediazione di Hezbollah, deciso a ergersi a "salvatore" dei libanesi. In caso di accordo sul nucleare, gli iraniani avrebbero le risorse per inviare anche aiuti finanziari. Il timore è che i cristiani finiscano per cedere a queste offerte. Per questo Stati Uniti e Francia hanno avviato un'operazione anomala. Le ambasciatrici Dorothy Shea e Anne Grillo sono andate insieme a Riad, per chiedere aiuto al governo saudita.

I colloqui seguono il solco del vertice a tre del 29 giugno a Matera fra Antony Blinken, Jean-Yves Le Drian e il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Fahran. L'obiettivo è convincere Riad a fornire dollari freschi, per evitare il dilagare degli iraniani. Ieri L'Orient-le-Jour, quotidiano francofono punto di riferimento dei cattolici, titolava sull'alleanza "naturale" fra sauditi e cristiani. Persino Israele ha offerto aiuti umanitari. L'obiettivo è evitare che Hezbollah si presenti come unica forza "responsabile". Il segretario generale Hassan Nasrallah continua a ripetere che l'alleato sciita è pronto «a fornire subito petrolio e medicinali». Il Partito di Dio riceve ancora valigie di dollari dall'Iran, al ritmo di 100 milioni al mese. Nelle aree sotto la sua influenza girano più soldi. I servizi di base, come ambulatori, scuole, sono rimasti in piedi. A Dahiyeh, la banlieue sciita di Beirut, specie nei quartieri più borghesi come Ghobeiri o Safarat Kuwait, l'impressione è che la crisi morda meno. Dalla Siria già arrivano i generici prodotti in loco, e le farmacie appaiono meno spoglie che nella ricca Ashrafieh cristiana. Per questo i Paesi occidentali si mobilitano. Francia, Italia e altri hanno lanciato il programma Rrrt, orientato soprattutto alla ricostruzione dei quartieri sopra il porto, come Gemmayzeh e Mar Mikhail. Mancano però il «governo tecnico» chiesto da Macron e i dieci miliardi di finanziamenti occidentali e del Golfo già promessi quattro anni fa alla Conference des Cèdres. Il braccio di ferro continua ma è ormai chiaro che chi arriverà primo «si prenderà il Libano».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/065681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT