martedi` 17 maggio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I musulmani sono infelici nei paesi in cui vivono, in uno solo sono felici, quale? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
11.03.2021 Arabia Saudita, perché sui diritti Mbs non fa sentire la sua voce?
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 11 marzo 2021
Pagina: 17
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Riad conferma la condanna per Loujain»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 11/03/2021, a pag.17, con il titolo 'Riad conferma la condanna per Loujain' la cronaca di Giordano Stabile.

Perché Mbs non fa sentire la sua voce sui diritti? Per continuare la modernizzazione del Paese, quello dei diritti è un dossier che la leadership saudita non può più ignorare.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per giordano stabile giornalista
Giordano Stabile

Arabia Saudita: condannata a 5 anni Loujain al-Hathloul, attivista per i  diritti delle donne - la Repubblica
Loujain al-Hathloul

Tre anni in libertà vigilata e altri cinque senza poter viaggiare. E' la decisione del tribunale speciale di Riad nei confronti dell'attivista Loujain al-Hathloul, scarcerata un mese fa dopo 1001 giorni passati in cella. La corte, che si occupa di reati legati al «terrorismo», ha respinto l'appello della trentunenne, che chiedeva la revoca del divieto a viaggiare. La sentenza significa anche che la giovane non potrà tornare alle sue battaglie peri diritti delle donne. E il tribunale ha di fatto ribadito che le accuse di «attentato alla sicurezza dello Stato», per aver contattato ong e ambasciate straniere, erano fondate. «La comunità internazionale dovrebbe essere indignata», ha protestato la sorella Lina: «E' l'ennesima conferma dell'abuso di potere delle autorità». In particolare, il divieto di viaggio sottolinea gli sforzi del governo per evitare che il dissenso abbia eco all'estero. Tanto più che il principe ereditario Bin Salman è sotto lo sguardo dell'Amministrazione Usa. Le riforme economiche vanno avanti, ma sul fronte dei diritti i progressi sono scarsi, una macchia nel «nuovo Rinascimento» che doveva propagarsi dal Golfo. La figura di Al-Hathloul, paladina del diritto alla guida, è in ogni caso difficile da cancellare.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/065681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT