domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
28.09.2021 Buone notizie sul Manifesto: 'In politica internazionale Bennett è come Netanyahu'
Per Michele Giorgio entrambi hanno il torto di difendere il proprio Paese, Israele

Testata: Il Manifesto
Data: 28 settembre 2021
Pagina: 8
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Al Palazzo di Vetro Bennett copia Netanyahu e minaccia la guerra all'Iran»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 28/09/2021, a pag.8, con il titolo "Al Palazzo di Vetro Bennett copia Netanyahu e minaccia la guerra all'Iran" l'analisi di Michele Giorgio.

Una ottima notizia riportata, come se fosse pessima, dal quotidiano comunista: in politica estera il governo Bennett si comporta in modo simile ai governi guidati per anni da Netanyahu. A Michele Giorgio non va giù che Israele cerchi di tutelare i propri interessi strategici nell'arena internazionale, di conseguenza il suo articolo è la consueta demonizzazione dello Stato ebraico.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

Bennett alle Nazioni Unite: “Odiare Israele non rende woke” - Israele.net -  Israele.net
Naftali Bennett all'Onu

All'Assemblea generale dell'Onu Naftali Bennett ieri non ha portato disegni di bombe sul punto di scoppiare come fece qualche anno fa il suo predecessore Benyamin Netanyahu per denunciare il programma nucleare iraniano. Ma il tono da guerra che il premier israeliano ha usato per gran parte del suo discorso non lascia dubbi sulle sue intenzioni. Il programma nucleare iraniano, secondo Bennett, «è a un punto critico. L'Iran sta violando gli accordi di salvaguardia dell'Aiea e se la cava. Gli iraniani maltrattano gli ispettori, sabotano le loro indagini e la fanno franca. Arricchiscono l'uranio al 60% e la passano liscia». A suo dire Tehran vorrebbe controllare la regione con l'arma nucleare ma, ha avvertito, «se pensate che possa toccare Israele vi sbagliate. Non permetteremo all'Iran di acquisire l'arma nucleare».

ALL'ONU BENNETT non ha solo voluto ribadire che il suo go- verno non esiterà ad attaccare l'Iran se e quando lo riterrà necessario, anche senza la partecipazione degli Usa, ma che questa opzione si è fatta più concreta e vicina. Il «Piano B», l'attacco militare, discusso qualche settimana fa con Joe Biden alla Casa bianca, giorno dopo giorno prende il posto del «Piano A», la diplomazia, sulla quale l'amministrazione Usa ha detto di voler puntare per rilanciare il Jcpoa, l'accordo sul programma nucleare iraniano da cui gli Usa sono usciti nel 2018 per decisione di Donald Trump. Ma il negoziato stenta a dare risultati, la distanza tra Stati uniti e Iran resta ampia e, secondo Bennett, le possibilità di arrivare a nuovo accordo si sono assottigliate. E questo lascia sul tavolo so- lo l'opzione militare, anche se l'Iran nega di volersi dotare di ordigni nucleari e non ci sono prove che lo stia facendo in segreto come denuncia Tel Aviv. Piuttosto sarebbe Israele a possedere in segreto, lo dicono fonti internazionali, tra cento e duecento bombe atomiche. Bennett ha pronunciato 23 volte la parola Iran e non ha mai fatto riferimento ai palestinesi sotto occupazione militare israeliana da 54 anni. E, co- me nelle previsioni della vigilia, non ha speso una parola per replicare al presidente palestinese Abu Mazen che la scorsa settimana, nel suo discorso all'Onu, aveva intimato a Israele di ritirarsi entro in anno dai Territori palestinesi occupati. Bennett ha preferito elogiare il suo paese, descritto come un «faro in un mare in tempesta, un faro di democrazia» e parlato degli israeliani come di un popolo «che vuole condurre una buona vita» e contribuire a un «mondo migliore». Significa, ha aggiunto, che di «tanto in tanto (gli israeliani) potrebbero aver bisogno di lasciare il loro lavoro e dire addio alle famiglie per correre sul campo di battaglia».

UN TONO ASSOLUTORIO scelto a poche ore dall'avvio della campagna repressiva nella Cisgiordania occupata dopo l'uccisione di cinque palestinesi, descritti dall'esercito israeliano e dallo stesso Bennett come militanti di Hamas sul punto di compiere un grave attentato. E l'escalation più significativa da maggio, quando le proteste nelle città palestinesi all'interno di Israele, in Cisgiordania e Gerusalemme Est sono sfociate in un nuovo conflitto armato tra lo Stato ebraico e Hamas. Ieri sono stati arrestati cinque palestinesi a Biddu, nove a Jenin, Arrabe e altre località cisgiordane. Ha lasciato il carcere invece la deputata palestinese e dirigente del Fronte popolare (sinistra) Khalida Jarrar, detenuta per circa due anni.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT