lunedi` 20 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
22.04.2021 Abu Mazen non vuole le elezioni e accusa Israele
La disinformazione di Michele Giorgio

Testata: Il Manifesto
Data: 22 aprile 2021
Pagina: 9
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Ramadan di scontri e arresti a Gerusalemme»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 22/04/2021, a pag.9, con il titolo "Ramadan di scontri e arresti a Gerusalemme" l'analisi di Michele Giorgio.

Oggi Michele Giorgio è l'unico a riportare notizia del probabile rinvio delle elezioni palestinesi, previste per maggio (legislative) e luglio (presidenziali), e del conflitto interno alla leadership araba palestinese. Però Giorgio riporta con enfasi la posizione di Abu Mazen, che non vuole le elezioni per continuare a reggere dispoticamente l'Anp e allora accusa Israele, dando allo Stato ebraico la colpa del probabile annullamento della tornata elettorale perché "controlla Gerusalemme est". Una scusa patetica, quella di Abu Mazen, riportata invece come dichiarazione seria dal giornalista. Giorgio, come sempre, scrive in modo tendenzioso e omissivo: nessun riferimento alle azioni del pluriomicida Marwan Barghouti e a violenza e terrorismo di Hamas, che viene invece descritto come un qualunque partito, mentre Israele è dipinto come occupante e aggressore.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio


Abu Mazen

Proteste palestinesi così ampie come quelle viste nelle ultime sere alla Porta di Damasco di Gerusalemme non si registravano dall'estate del 2014. In quel periodo a scatenarle fu il piano di alcuni israeliani di estrema destra di vendicare gli omicidi in Cisgiordania di tre adolescenti ebrei che portò all'assassinio di un ragazzo, Mohammed Abu Khdeir. Questa volta sono state le limitazioni anti-Covid all'ingresso nella città vecchia e sulla Spianata della moschea di Al Aqsa per le preghiere del mese di Ramadan. E anche le intimidazioni gravi da parte di giovani ebrei a palestinesi nel centro di Gerusalemme, alcuni dei quali sono stati picchiati. Azioni a cui i palestinesi hanno reagito con un'aggressione a un giovane religioso ebreo e a un automobilista israeliano. Sullo sfondo c'è la «crisi diplomatica» per il divieto, molto probabile ma non ancora annunciato dal governo Netanyahu, alla partecipazione dei palestinesi di Gerusalemme Est alle elezioni per il Consiglio legislativo palestinese del 22 maggio. L'Anp del presidente Abu Mazen ripete che senza Gerusalemme Est le elezioni non si terranno. Incidenti fra giovani palestinesi e reparti della polizia israeliana si sono verificati anche ieri al termine delle preghiere serali nelle moschee, quando migliaia di persone hanno lasciato Al Aqsa e si è creato un assembramento alla porta di Damasco.

Immagine correlata
Marwan Barghouti, condannato a 5 ergastoli

I poliziotti ancora una volta hanno usato il pugno di ferro ricorrendo a granate assordanti, lacrimogeni, cannoni ad acqua, cariche di agenti a cavallo. Solo nelle ultime ore sono stati arrestati almeno 30 palestinesi, numerosi quelli feriti o contusi. Scontri sono avvenuti anche a Giaffa (Tel Aviv) dove gli abitanti palestinesi contestano l'assegnazione a israeliani ebrei di case arabe confiscate in passato dallo Stato. La scorsa settimana hanno aggredito un rabbino. L'annullamento delle elezioni palestinesi a causa di un «no» israeliano al voto a Gerusalemme Est, farebbe salire ulteriormente la tensione. Qualche sera fa Nabil Shaath, un consigliere di Abu Mazen, ha detto che se Israele, in violazione degli Accordi di Oslo (1993-94), continuerà a ignorare la richiesta dell'Anp «il voto sarà rinviato». Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri palestinese Riad al Maliki è partito per Bruxelles nel tentativo di convincere l'Alto rappresentante Ue per gli affari esteri Josep Borrell a premere su Israele affinchè consenta agli abitanti di Gerusalemme Est di partecipare alle elezioni. Al momento non si sa quando Israele comunicherà la sua posizione. Abu Mazen ha fretta di decidere perché non può annullare le elezioni pochi giorni prima dell'apertura delle urne. Finirebbe per alimentare i sospetti, già concreti, di tanti palestinesi riguardo i suoi timori per una vittoria degli islamisti di Hamas. Un sondaggio diffuso ieri indica peraltro una sonora sconfitta del leader dell'Anp alle presidenziali del 31 luglio se, come sembra, si candiderà Marwan Barghouti, popolare prigioniero politico palestinese da 19 anni in carcere in Israele.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT