domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
14.04.2021 Hamas verso le elezioni palestinesi
Commento tendenzioso di Michele Giorgio

Testata: Il Manifesto
Data: 14 aprile 2021
Pagina: 8
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «In vista del voto Israele arresta membri di Hamas»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 14/04/2021, a pag.8, con il titolo "In vista del voto Israele arresta membri di Hamas" l'analisi di Michele Giorgio.

Oggi Michele Giorgio è l'unico a riportare notizia delle prossime elezioni palestinesi, previste per maggio (legislative) e luglio (presidenziali). Lo fa però, come sempre, in modo tendenzioso e omissivo: nessun riferimento a violenza e terrorismo di Hamas, che viene invece descritto come un qualunque partito, mentre Israele è dipinto come occupante e aggressore.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio


Abu Mazen

Un'ondata di arresti di palestinesi è scattata in Cisgiordania, a poco più di un mese dalle elezioni per il Consiglio legislativo dell'Anp, le prime dopo 15 anni. Lunedì notte, denuncia la Palestinian Prisoner Society, unità dell'esercito israeliano, hanno portato via in manette 25 palestinesi. Tra i nomi spiccano quelli di esponenti del movimento islamico Hamas, come l'ex detenuta Mona Qaadan arrestata ad Arraba (Jenin), Mustafa Shawere due elet ti nel2006 all'ultimo Consiglio legislativo: Omar al-Qawasmi e Anas Rasras. Nei giorni scorsi sono stati incarcerati almeno altri tre militanti di Hamas. Gli arresti sono coincisi con l'annuncio del ritorno di Khaled Meshaal alla guida dell'organizzazione islamista al posto di Ismail Haniyeh. Non ci saranno cambiamenti di rilievo. Meshaal come Haniyeh fa parte dell'ala governista del movimento ed è sostenuto dal Qatar, principale donatore degli islamisti e allo stesso tempo in buoni rapporti, dietro le quinte, con Israele. La maggior parte degli arresti sono stati eseguiti nelle città di Hebron, Betlemme, Jenin, Ramallah, Al Bireh e a Gerusalemme est. Hanno riguardato anche alcuni membri di Fatah, il movimento che fa capo al presidente dell'Anp Abu Mazen. E sembrano ripetere il copione del 2006, quando l'esercito israeliano prima delle legislative arrestò centinaia di attivisti e dirigenti di Hamas in Cisgiordania per limitare le possibilità di vittoria degli islamisti. La lista di Hamas invece stravinse e Israele reagì imprigionando un gran numero dei deputati eletti del movimento. Finora dal governo Netanyahu non sono arrivati commenti significativi alla decisione di Abu Mazen di indire elezioni legislative (22 maggio) e presidenziali (31 luglio). La stampa in lingua ebraica riferisce la «preoccupazione» di Israele per il risultato delle votazioni in Cisgiordania: Hamas ha ottime possibilità di rivincere approfittando anche delle fratture emerse in Fatah. Il quotidiano Haaretz qualche giorno fa ha scritto di una missione recente a Ramallah di uno dei capi dell'intelligence israeliana per «ordinare» al presidente dell'Anp di annullare il voto. Annullamento che Abu Mazen potrebbe annunciare di sua volontà. Diverse fazioni palestinesi, a cominciare da Fatah, hanno avvertito due giorni fa che non ci saranno elezioni senza la partecipazione dei palestinesi di Gerusalemme est. Una posizione che si fonda sugli accordi di Oslo del 1993-94, quando Israele accettò di far votare a legislative e presidenziali dell'Anp i palestinesi di Gerusalemme est, parte dei Territori occupati. Israele, che unilateralmente considera tutta Gerusalemme la sua capitale, non ha ancora dato segnali. Ma gli attivisti della società civile palestinese avvertono che i vertici dell'Anp potrebbero usare la questione di Gerusalemme est come pretesto per ritardare o annullare il voto, alla luce dei sondaggi sfavorevoli a Fatah.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT