domenica 05 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
01.04.2021 Un esempio di menzogna omissiva: ritratto del terrorista Marwan Barghouti
di Michele Giorgio

Testata: Il Manifesto
Data: 01 aprile 2021
Pagina: 8
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Barghouti e Qudwa, la lista dissidente c'è»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 01/04/2021, a pag.8, con il titolo "Barghouti e Qudwa, la lista dissidente c'è" l'analisi di Michele Giorgio.

Marwan Barghouti, nell'articolo di Michele Giorgio, viene descritto come un "prigioniero politico palestinese", e non per quello che è, cioè un terrorista pluriassassino condannato a cinque ergastoli. Per questo l'articolo è un esempio di menzogna omissiva. Neanche un cenno viene fatto al terrorismo arabo palestinese e alle attività di Barghouti, che al contrario viene largamente elogiato. Sono le specialità del quotidiano comunista.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

Immagine correlata
Marwan Barghouti, condannato a 5 ergastoli

«(Mio padre) darà appoggio a una lista che parteciperà alle elezioni legislative...sarà registrata questa sera». «Quella di Nasser Qudwa?». «Ora è lista di Marwan e Nasser». Con questo breve scambio su Whatsapp, ieri Qassam Barghouti ha confermato al manifesto che il padre, Marwan Barghouti, il più noto e popolare dei prigionieri politici palestinesi, alle elezioni del 22 maggio non sosterrà la lista del suo partito, Fatah.

DARÀ INVECE il suo appoggio alla lista Hurriyeh (Libertà) di Nasser Qudwa, ex ambasciatore dell'Olp all'Onu e nipote di Yasser Arafat, espulso il mese scorso da Fatah per ordine del suo leader e presidente palestinese Abu Mazen, perché dissidente e per aver affermato l'intenzione di presentarsi alle elezioni del 22 maggio da indipendente. L'avvocata e attivista dei diritti delle donne Fadwa Barghouti, moglie di Marwan, occuperà il secondo posto della lista, subito dopo Qudwa. Intenzionato a candidarsi a presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) — in sfida aperta ad Abu Mazen — Marwan Barghouti non può partecipare alle legislative, lo stabilisce lo Statuto dell'Anp. A rappresentarlo tra i 63 candidati inseriti nella lista Hurriyeh ci saranno oltre alla moglie alcuni dei suoi storici collaboratori e sostenitori, tra i quali Qaddura Fares e Hatem Abdel Qader.

IL 6 APRILE la Commissione elettorale palestinese comunicherà quali delle 16 liste che si sono registrate potranno prendere parte al voto. E qualcuno non esclude una sorpresa, ossia che un «errore» nella registrazione di Hurriyeh possa tenere la lista lontana dalle urne. Oltre ai vertici di Fatah, consapevoli dei consensi che Barghouti, con la sua popolarità, potrà portare alla Hurriyeh, anche l'Unione europea, gli Stati uniti e, soprattutto, Israele seguono gli sviluppi delle elezioni palestinesi.

E NON SONO TRANQUILLI. Contro le previsioni della vigilia, le legislative del 22 maggio e le presidenziali del 31 luglio non saranno simboliche e scontate. Fanno registrare scosse inattese e un crescente interesse della popolazione dei Territori occupati per il ritorno alle urne dopo oltre 15 anni. Se tra qualche mese Barghouti, come i sondaggi dicono al momento, sarà eletto, per Israele non sarà semplice tenere dietro le sbarre il presidente dell'Anp, nonostante i cinque ergastoli e i 40 anni di prigione che sconta per «terrorismo». Martedì sera Mahmud Al Alul, il numero due di Fatah, ha avuto un colloquio di due ore con Fadwa Barghouti, sperando di spingerla a persuadere il marito a restare in disparte «per il bene di Fatah». Non è servito. Barghouti, con molti altri membri del partito, sa che l'attuale leadership che fa capo all'anziano Abu Mazen (85 anni) — portatore da lungo tempo di una linea sterile, non in grado di ridare slancio alle aspirazioni dei palestinesi — non può più conquistare la fiducia della popolazione. La spaccatura tra Fatah che governa in Cisgiordania e gli islamisti di Hamas a Gaza ha aggravato la frustrazione dell'opinione pubblica palestinese. Ora si attende di vedere la risposta a questo terremoto della base di Fatah, un tempo guidata proprio da Barghouti. E quella dei prigionieri in carcere in Israele di cui il «Mandela palestinese» per 19 anni è stato uno dei rappresentanti. Sullo sfondo di questo dramma in Fatah c'è Hamas che tre giorni fa ha registrato la sua lista elettorale «Gerusalemme è il nostro traguardo». L'ingresso in campo di un personaggio politico popolare come Barghouti riduce sensibilmente le possibilità del movimento islamico di bissare il successo del 2006. Capolista è Khalil Al Hayya, uno dei membri più influenti dell'ufficio politico di Hamas.

RESTA INTANTO MOLTO complesso il dopo voto in Israele. Ieri il presidente Rivlin, ricevendo i risultati ufficiali delle elezioni del 23 marzo (le quarte in due anni), ha spiegato che, pur di arrivare a una maggioranza stabile, potrebbe affidare l'incarico facendo ricorso a «collaborazioni inusuali». Linea che forse lo porterà a scegliere un leader diverso dal premier uscente Netanyahu che pure è stato indicato dalla maggioranza dei partiti.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT