mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
04.06.2024 L’antisemitismo minaccia l’Europa
Editoriale di Maurizio Molinari

Testata: La Repubblica
Data: 04 giugno 2024
Pagina: 31
Autore: Maurizio Molinari
Titolo: «Il seme dell’odio viene dal 7 ottobre»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 04/06/2024, a pag. 1/31, con il titolo "Il seme dell’odio viene dal 7 ottobre" l'editoriale del direttore Maurizio Molinari.

Molinari: “Le sorti dell'Italia sono decisive per quelle dell'Europa” -  Mosaico
Maurizio Molinari
Denis MacEoin: “Cari studenti, Israele non è un regime” - la Repubblica
Il 7 ottobre ha segnato la via dell'odio, l'antisemitismo in Europa monta sempre di più. È l'ondata più grave dalla Seconda guerra mondiale

Noi, cittadini europei, ci incontriamo a Parigi mentre le nostre democrazie stanno subendo la più grave ondata di intolleranza contro il popolo ebraico dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. L’antisemitismo prende di mira gli ebrei, ma la Storia ci insegna che rappresenta una minaccia contro tutti coloro che amano la libertà e la democrazia. Dobbiamo chiederci da dove viene questo odio e chi lo sta usando contro tutti noi. L’odio viene da coloro che hanno commesso e sostengono il pogrom di Hamas del 7 ottobre. Sfruttando anche le vittime civili palestinesi a Gaza per delegittimare lo Stato ebraico e distruggere ogni speranza di pace e di coesistenza in Medio Oriente tra arabi e israeliani. E questo odio si sta diffondendo così rapidamente nelle nostre società, inclusa l’Italia, perché viene usato per creare disordini, instabilità e frammentazione al fine di indebolire dall’interno i nostri Paesi. Lo scopo di questa sofisticata campagna ibrida è dividerci, farci implodere. Le indagini francesi su chi ha dipinto le stelle di David sulle case ebraiche e le mani rosse sul Memoriale dell’Olocausto qui a Parigi stanno dimostrando che attori russi prendono parte a questa campagna di odio. Come una recente indagine del Parlamento europeo attesta che ci sono spesso attori russi dietro le campagna social che più diffonde odio. Nascondendosi dietro a chi, in buona fede, si batte per la fine della guerra in Medio Oriente, in difesa di tutte le vittime civili a Gaza e in Israele, e per la soluzione dei due Stati prevista dagli accordi di Oslo, c’è chi diffonde il seme dell’odio fra noi. Per gettare le nostre democrazie nello scompiglio. Ecco perché noi, cittadini europei, dobbiamo comprendere che difendere Kiev e combattere l’antisemitismo sono due fronti di una stessa sfida: proteggere le nostre libertà.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT