mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
30.05.2024 Kiev, sì agli attacchi in Russia
Analisi di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 30 maggio 2024
Pagina: 2
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Kiev, sì degli alleati agli attacchi in Russia. Il dossier approda sul tavolo di Biden»

Riprendiamo da LA REPUBBLICA di oggi, 30/05/2024, a pag. 2, con il titolo "Kiev, sì degli alleati agli attacchi in Russia. Il dossier approda sul tavolo di Biden" l'analisi di Paolo Mastrolilli.

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli
Biden prima «ricompatta» gli alleati, poi annuncia: no a truppe Usa a Kiev
Dopo Regno Unito, Francia e Germania, via libera anche da Canada, Polonia e Finlandia. Sale la pressione su Washington, dove si valuta anche l’impatto sulla sfida con Trump

Sale la pressione sugli Stati Uniti affinché consentano all’Ucraina di usare le loro armi per colpire il territorio russo, come già fanno diversi alleati Nato. Il presidente Biden sta considerando di togliere il divieto, ma per ora Washington resiste, almeno a giudicare dalle dichiarazioni ufficiali rilasciate ieri dell’amministrazione. Dopo Gran Bretagna e Francia, che vuole mandare anche istruttori sul terreno, Canada, Polonia e Finlandia hanno dato via libera all’impiego delle loro forniture militari per colpire oltre il confine, come aveva sollecitato lo stesso segretario generale della Nato Stoltenberg. Repubblica Ceca, Olanda e paesi Baltici sono sulla stessa linea, mentre la Svezia ha annunciato nuovi aiuti bellici a Kiev per 1,16 miliardi di euro. L’obiettivo non è provocare la Terza guerra mondiale, bombardando Mosca o San Pietroburgo, ma aiutare Zelensky a difendersi dall’offensiva lanciata da Putin nella regione Nordorientale del Paese aggredito, puntando in particolare sulla città di Kharkiv. I militari del Cremlino per questo attacco usano le loro basi al confine con l’Ucraina, ma dentro al proprio territorio. Lo stesso fanno bombardieri e caccia, che arrivano al limite dello spazio aereo nazionale per sganciare gli ordigni. Ciò dà un significativo vantaggio ai russi, perché possono colpire senza temere rappresaglie. L’idea quindi è consentire a Kiev di attaccare queste basi al confine, per aiutarla a frenare l’offensiva, che altrimenti minaccia di far crollare la sua linea difensiva. Qualche giorno fa ilNew York Times ha scritto che il segretario di Stato Blinken è favorevole a questocambio di strategia, e quando è tornato dal recente viaggio in Ucraina ha proposto al presidente di autorizzarlo. Ieri l’editorialista del Washington Post David Ignatius ha confermato che Biden sta considerando la mossa, insieme a quella di punire la Cina per l’assistenza tecnologica che continua ad offrire all’apparato militare russo. La decisione però non è stata ancora presa e il consigliere per la sicurezza nazionale Sullivan non sarebbe convinto di appoggiarla, per i rischi che pone di provocare l’escalation e i problemi di politica interna, anche in vista delle presidenziali di novembre. Non a caso, parlando con i suoi donatori, il candidato repubblicano Donald Trump ha detto che se fosse stato alla Casa Bianca durante l’invasione dell’Ucraina avrebbe bombardato Mosca, e altrettanto farebbe con Pechino se aggredisse Taiwan. Al momento la posizione ufficiale di Washington non è mutata. Tanto il portavoce della Casa Bianca John Kirby, quanto l’ambasciatrice alla Nato Julianne Smith, ieri hanno smentito novità: «Non facilitiamo e non incoraggiamo attacchi ucraini sul territorio russo. La nostra linea non è cambiata». Questo naturalmente non esclude che la posizione possa evolversi, come era accaduto in passato con il progressivo aumento delle armi più letali fornite a Zelensky. È anche possibile che per ora Washington si accontenti di chiudere un occhio sulle iniziative prese dagli alleati, che su base bilaterale stanno togliendo il divieto di usare le loro forniture militari per colpire il territorio russo, senza però assumersene pubblicamente la responsabilità. Al momento Washington frena, ma Blinken ieri ha detto che è pronta ad «adattare e aggiustare» la strategia, mentre in Texas è stata aperta una nuova fabbrica per bombe da 155 millimetri. Un’occasione per discutere la questione sarà l’incontro informale dei ministri degli Esteri della Nato in programma oggi e domani a Praga, che servirà anche a preparare il vertice dei leader a Washington dal 9 all’11 luglio. L’ambasciatrice Smith ha detto che un obiettivo immediato è rafforzare le difese aeree dell’Ucraina. Non ci sarà un invito formale ad entrare nell’Alleanza, ma una forte dichiarazioni di appoggio e l’assistenza necessaria a “costruire il ponte” verso l’ingresso. Nel frattempo però bisogna garantire la sopravvivenza di Kiev, che potrebbe richiedere il via libera a colpire le basi russe oltre il confine.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT