mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
29.05.2024 Gli Usa difendono Israele
Analisi di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 29 maggio 2024
Pagina: 15
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Gli Usa difendono Israele. L’Onu condanna l’attacco»

Riprendiamo da LA REPUBBLICA di oggi, 29/05/2024, a pag. 15, con il titolo "Gli Usa difendono Israele. L’Onu condanna l’attacco" l'analisi di Paolo Mastrolilli.

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

John Kirby, consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Usa, ritiene Israele innocente fino a prova contraria per l'incidente di Rafah. Mentre l'ONU, come c'era da attendersi, condanna l'attacco.

Gli Usa difendono Israele, almeno in attesa di conoscere i risultati dell’inchiesta sul raid a Rafah, mentre l’Onu condanna l’attacco che ha fatto vittime civili. Il portavoce della Casa Bianca, John Kirby, ha detto che il premier Netanyahu non ha violato la linea rossa tracciata dal presidente Biden, perché non ha ancora lanciato un’offensiva di terra totale nella città meridionale di Gaza, come aveva fatto al Nord. Quanto all’attacco che lo stesso leader dello Stato ebraico ha definito un tragico errore, Kirby ha notato che l’inchiesta degli israeliani è in corso, ma al momento la versione è che il raid in cui hanno perso la vita almeno 45 civili era mirato contro due obiettivi legittimi di Hamas ed è stato condotto con le bombe più piccole a disposizione. L’incendio in cui sono morti i civili sarebbe effetto di un’esplosione secondaria. Il dipartimento di Stato ha aggiunto che il bersaglio si trovava un chilometro e 700 metri dalla tendopoli, che non era stata presa di mira. Kirby però ha sottolineato che “l’unico numero accettabile di vittime civili è zero”, e quindi ha ribadito la richiesta a Israele di fare tutto il possibile per evitarle. All’Onu ieri sera si è riunito il Consiglio di Sicurezza dell’Onu a porte chiuse per discutere la crisi, e il segretario generale Guterres ha condannato l’attacco delle forze armate dello Stato ebraico.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT