venerdi 19 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
06.12.2023 Sul 7 ottobre ignorati molti avvisi
Commento di Francesca Caferri

Testata: La Repubblica
Data: 06 dicembre 2023
Pagina: 15
Autore: Francesca Caferri
Titolo: «Le donne sentinelle: “Sul 7 ottobre ignorati i nostri avvisi”»
Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 06/12/2023, a pag.15 con il titolo "Le donne sentinelle: Sul 7 ottobre ignorati i nostri avvisi”. L'analisi di Francesca Caferri.

Immagine correlata
Francesca Caferri

Ground and air forces cooperation yields results in latest Gaza war
Soldatesse israeliane dell'unità di intelligence 8200


La denuncia di Victoria e delle sue colleghe è stata confermata lunedì dalla diffusione di una serie di documenti messi insieme dalla Amshat, un’unità speciale dell’esercito israeliano incaricata di indagare sulle falle della sicurezza del 7 ottobre e sulle modalità in cui l’attacco è stato organizzato prima e attuato poi. Idocumenti — appunti, mappe, ma anche video delle bodycam dei miliziani — dimostrano che dietro alla strage che ha sorpreso Israele ci sono stati anni di preparazione: come denunciato dalle spotter e da una ufficiale donna dell’unità di intelligence 8200, i cui report sono stati pubblicati la settimana scorsa dal New York Times .
Rispetto a tutto questo, i risultati del lavoro della Amshat fanno un passo avanti e dimostrano, secondo quanto sostengono gli ufficiali del gruppo, che a giocare un ruolo fondamentale nella pianificazione dell’attacco sarebbero state anche delle persone che sono state usate come spie di Hamas: probabilmente lavoratori di Gaza che avevano ottenuto un permesso di lavoro in Israele.Conclusione condivisa da molti degli abitanti dei kibbutz con cui abbiamo parlato in queste settimane: «Uno dei combattenti uccisi nel nostro kibbutz aveva una mappa delle case, con i nomi e i numeri dei componenti delle famiglie scritti sopra. Solo chi aveva lavorato da noi poteva dare informazioni simili», ci aveva detto dieci giorni dopo l’attacco Moran Hagbi-Nachmani, 40 anni, del Moshav Yachini, uno dei villaggi del Negev più vicini a Sderot.
Nel briefing di lunedì i comandanti della Amshat hanno mostrato mappe simili a quella di cui parlava Hagbi-Nachmani: alcune riproducevano perfettamente le basi militari di Nahal Oz, dove sono morte le spotter incaricate di monitorare il confine.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT