domenica 24 settembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Maresha e Bet Guvrin: l'archeologia in Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
31.05.2023 L'Onu tolga il seggio ai russi
Analisi di Bernard-Henri LÚvy

Testata: La Repubblica
Data: 31 maggio 2023
Pagina: 26
Autore: Bernard-Henri LÚvy
Titolo: «Togliete quel seggio ai russi»
Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 31/05/2023, a pag. 26, l'analisi dal titolo "Togliete quel seggio ai russi" di Bernard-Henri LÚvy.

Bernard-Henri LÚvy - Concordia
Bernard-Henri LÚvy

L'Onu condanna l'aggressione della Russia: chiesto cessate il fuoco  immediato e ritiro dei militari

Una delle armi di cui dispone Putin nella guerra totale che sta conducendo contro l’Ucraina Ŕ lostatus di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il famoso diritto di veto che quella posizione gli conferisce gli permette di bloccare qualunque risoluzione che non gli vada a genio, gli sia sfavorevole o interferisca con i suoi interessi e i suoi crimini. Questa mostruosa assurditÓ risale, si dice sempre, all’indomani della Seconda guerra mondiale e alla decisione di riservare, in seno all’Onu appena creata, lo statuto di membro permanente ai cinque vincitori, Urss compresa. SenonchÚ c’Ŕ un altro avvenimento, meno glorioso, di cui si parla pi¨ di rado. ╚ il 21 dicembre del 1991. L’Unione Sovietica sta per essere ufficialmente dissolta. Undici dei quindici Stati frutto della dissoluzione e ormai sovrani si riuniscono ad Alma-Ata (oggi Almaty), in Kazakistan. Sono lý per spartirsi le spoglie dell’entitÓ defunta e sapere a chi fra loro andrÓ il prezioso seggio di membro permanente dell’Onu. La risposta arriva dopo qualche ora di dibattito sotto forma di una semplice lettera, indirizzata da Boris Eltsin al segretario generale delle Nazioni Unite, nella quale in sostanza si dice: “Noi, nazioni nate dalla dissoluzione dell’ex Impero sovietico e oggi costituite in una ComunitÓ di Stati indipendenti (Csi) abbiamo deliberato. Ho l’onore di informarvi che sarÓ la Federazione russa a succedere all’Urss, a ereditare il suo seggio alle Nazioni Unite e a beneficiare dei diritti a esso associatiö. Il destinatario della notifica avrebbe potuto far notare che nulla, nello Statuto delle Nazioni Unite, consente a un gruppo di Stati di disporre di un seggio permanente e di farne l’oggetto di chissÓ quale mercimonio. Si sarebbe potuto obiettare che la nozione stessa di Stato successore (nel trattato di Almaty:successor State) non compare in alcun testo e non ha alcun valore giuridico. Si sarebbe potuto far notare che, da un punto di vista legale, nessuno degli undici Stati che hanno preso quella decisione unilaterale era ancora formalmente membro dell’Onu e che l’Urss sarebbe stata ufficialmente sciolta solo giorni dopo. Si sarebbe dovuto, davanti alla novitÓ della situazione e, soprattutto, della posta in gioco (quel giorno fu deciso anche, ben prima del memorandum di Budapest, che le armi nucleari nei territori ex sovietici dovessero essere messe sotto il controllo russo), esigere che quantomeno se ne discutesse in Assemblea generale. E invece no. Non si fece niente di tutto ci˛. La notifica di Eltsin e la conseguente appropriazione indebita sono state ratificate senza alcuna discussione. Un buon numero di Paesi membri ha saputo di questo gioco di prestigio solo dalla stampa. Ma il risultato di questa strana sequenza di fatti Ŕ che, per quanto si frughi negli archivi, la concessione dello statuto di membro permanente alla Russia e l’attribuzione del diritto di veto che ne consegue non sono scritte da nessuna parte: non hanno base legale nÚ alcun tipo di legittimitÓ e la Federazione russa terrorizza il mondo da trent’anni avvalendosi di un diritto di cui si Ŕ appropriata indebitamente. Da qui l’idea a cui ho brevemente accennato, accanto agli ambasciatori di Francia e Ucraina, e che rilancio qui. Invito le Nazioni Unite a riaprire la pratica. A rivalutare il colpo di mano originario sul quale poggiano l’ordine e il disordine contemporanei. E, considerata la costanza con cui la Federazione russa, da Bucha a Mariupol, passando per la deportazione dei bambini del Donbass, si fa beffe degli ideali fondanti dell’Onu, ideali di cui un membro permanente del Consiglio di sicurezza dovrebbe, pi¨ di chiunque altro, essere garante, le invito a revocare senza rimpianti un diritto di cui Eltsin e Putin si sono, lo ripeto, appropriati senza averne titolo. Ma cosa ne sarebbe poi del patto del 1945 e dell’ereditÓ della “grande guerra patriotticaö? Ebbene, dobbiamo ricordare il pari diritto che avevano gli undici di Alma-Ata a rivendicare l’ereditÓ dell’Unione Sovietica. E ricordare anche che il primo Fronte ucraino nel quale, come suggerisce il nome, i soldati ucraini erano massicciamente rappresentati, fece pi¨ della sua parte in quella guerra e che fu proprio quel Fronte a liberare il campo di sterminio di Auschwitz. Dobbiamo inoltre osservare che, se c’Ŕ un Paese dell’ex Urss in cui i valori antinazisti proprio in questo momento sono ravvivati, Ŕ l’Ucraina di Volodymyr Zelensky. Possiamo dunque concludere che, nel mondo del nuovo dopoguerra che si prepara sotto i nostri occhi, i diritti della Russia decaduta potrebbero e dovrebbero tornare proprio all’Ucraina. Spogliare la Federazione russa del seggio permanente: lo richiede la legge. Trasferire tale diritto all’Ucraina: la memoria lo consente, la morale lo auspica e un grande dibattito fra nazioni sovrane e unite potrebbe deciderlo.
(Traduzione di Alessandra Neve)

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT