domenica 23 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
22.05.2023 Gli ucraini circondano i russi
Cronaca di Daniele Raineri

Testata: La Repubblica
Data: 22 maggio 2023
Pagina: 14
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Bakhmut, gli ucraini circondano i russi per la controffensiva»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 22/05/2023, a pag. 14, la cronaca di Daniele Raineri dal titolo "Bakhmut, gli ucraini circondano i russi per la controffensiva".

Festival Internazionale del Giornalismo
Daniele Raineri

Bakhmut ormai è caduta ma rischia di rivelarsi un inutile trofeo di Putin -  la Repubblica
Bakhmut

Dopo la proclamazione della vittoria a Bakhmut da parte del comandante del gruppo Wagner, Evgenij Prigozhin, il comandante delle forze di terra ucraine, il generale Oleksandr Syrsky, dichiara che i suoi soldati di fatto hanno perso il controllo della piccola città del Donbass che da dieci mesi è il teatro della battaglia più brutale della guerra. Dal G7 di Hiroshima il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dice che Bakhmut ormai «è soltanto nei nostri cuori», per intendere che non esiste più ed è stata completamente distrutta. Ma, precisa, «non è stata occupata dalla Federazione russa», perché «ci sono ancora soldati ucraini, non posso dire in quali luoghi». Bakhmut non è molto grande e, a dispetto dell’inveterata abitudine delle fonti di Mosca a dichiarare il falso, la geolocalizzazione deivideo girati dai mercenari del gruppo Wagner lascia pochi dubbi: l’ultima fila di palazzi a sud-ovest dove forse possono ancora nascondersi soldati ucraini è sotto il tiro diretto dei russi e dopo quella non c’è più nulla. Si capisce però perché Kiev non ammette ancora la perdita e non è soltanto una ragione di propaganda: la città non ha ancora esaurito il suo scopo, che è quello di tenere inchiodate le forze russe a un settore preciso del fronte e di logorarle giorno dopo giorno grazie a un tasso di attrito spaventoso. Prigozhin annuncia che i suoi mercenari lasceranno le posizioni all’esercito regolare entro il 25 maggio, quindi molto in fretta, e questo cambio della guardia – se avverrà – potrebbe esporre i soldati russi a ulteriori perdite. Gli ucraini si sono piazzati sulle alture attorno, che fino a una settimana fa erano in mano ai nemici, e da lì possono colpire con l’artiglieria oppure provare a spingersi ancora più avanti, sui lati della città, a Nord e a Sud, non in territorio urbano ma in aperta campagna – che è più congeniale ai soldati di Sirksy. Insomma, all’Ucraina non conviene spegnere l’ossessione russa per Bakhmut. Nel frattempo, Kiev non ha mai impegnato in quella battaglia i mezzi moderni ricevuti dagli alleati e i soldati addestrati di recente perché si prepara a usarli altrove, nella controffensiva che potrebbe partire da un giorno all’altro più a Sud – in direzione di Mariupol e Melitopol.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT