martedi` 16 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
10.03.2023 Niente spostamento dell'ambasciata italiana a Gerusalemme
Cronaca di Antonio Fraschilla, Anna Lombardi

Testata: La Repubblica
Data: 10 marzo 2023
Pagina: 12
Autore: Antonio Fraschilla, Anna Lombardi
Titolo: «Netanyahu a Roma e il governo si spacca su Gerusalemme capitale d’Israele»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 10/03/2023, a pag. 12, la cronaca di Antonio Fraschilla, Anna Lombardi dal titolo "Netanyahu a Roma e il governo si spacca su Gerusalemme capitale d’Israele".

Netanyahu arriva a Roma. Meloni parli chiaro, da amico: Israele è fuori  rotta - HuffPost Italia
L'arrivo a Roma di Sara e Benjamin Netanyahu

ROMA — È iniziata in recupero la visita romana del premier israeliano Benjamin Netanyahu atterrato a Roma con 3 ore di ritardo rispetto all’agenda: la partenza dall’aeroporto Ben Gurion assediato dai manifestanti – e da lui raggiunto in elicottero – posticipata per incontrare nello stesso scalo il ministro della Difesa americano Lloyd Austin per discutere di nucleare iraniano. Al suo primo appuntamento romano, in sinagoga, il premier è però arrivato puntualissimo, alle 19.30, accolto dal rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni nel piccolo Tempio Spagnolo – sotto al Tempio Maggiore – affollato da sessanta membri illustri della comunità. Netanyahu, con accanto la moglie Sara, non ha evitato i riferimenti alle proteste in Patria: «Sono giorni di divergenze, ma restiamo un popolo unico, abbiamo un passato e un futuro comune». Poi, parlando del pranzo di oggi con la premierGiorgia Meloni, che incontrerà dopo il summit con gli imprenditori, ha ribadito che le esporrà «i timori rispetto all’Iran che spaventa l’Europa e il mondo». Sottolineando di voler estendere gli Accordi di Abramo ad altri Paesi «fra cui l’Arabia Saudita ». Poi, un funzionario lo ha raggiunto per dargli la notizia del nuovo attentato a Tel Aviv: «Le mie preghiere per loro», ha aggiunto. È stata la presidente della comunità ebraica romana Ruth Dureghello a toccare la spinosa questione del riconoscimento da parte italiana di Gerusalemme capitale, che Netanyahu aveva lanciato nell’intervista aRepubblica ieri, raccogliendo subito il plauso del ministro Salvini. «Riconoscimento che chiediamo e sosteniamo con convinzione», ha detto Dureghello. Ma il governo Meloni non ha in programma lo spostamento dell’ambasciata italiana da Tel Aviv a Gerusalemme e sia Farnesina che Palazzo Chigi lo hanno ripetuto: «L’argomento non è in agenda». Dureghello ha pure ribadito: «Siamo dalla parte di Israele perché l’antisemitismo non permette divisioni». Ma quanto la questione delle divisioni interne allo Stato Ebraico sia delicata è emerso invece dall’intervento di Noemi Di Segni: «Condivido il senso di profonda preoccupazione per la spaccatura sulla riforma della giustizia ». Aggiungendo: «Riconoscere Israele come Paese democratico è un valore assoluto ma questo è possibile solo se la dialettica politica riflette i valori ebraici». Parole che hanno fatto però infuriare l’ex presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, che le ha urlato: «Vergogna! Non ci rappresenti». Di sicuro oggi alle tre almeno 200 persone, israeliani ed ebrei, sono attese in Piazza Santi Apostoli per manifestare contro la legge. «È in atto un attentato contro la democrazia. Non possiamo lasciar trasformare il nostro Paese in una teocrazia», dice Itamar Danieli, uno degli organizzatori. «Scendiamo in piazza contro Netanyahu e in difesa di Israele perché la sua riforma della giustizia è una pericolosa deriva antidemocratica».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT