venerdi 14 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
01.03.2023 'L’Iran a un passo dall’atomica'. Missione Aiea a Teheran
Cronaca di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 01 marzo 2023
Pagina: 17
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «'L’Iran a un passo dall’atomica'. Missione Aiea a Teheran»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 01/03/2023, a pag. 17, con il titolo " "L’Iran a un passo dall’atomica”. Missione Aiea a Teheran" la cronaca di Paolo Mastrolilli.

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

Iran, l'allarme dell'Aiea: «L'Iran ha arricchito l'uranio all'84%. Per  l'atomica serve il 90%» - Open

NEW YORK — L’Iran potrebbe essere ormai a un passo dalla bomba nucleare. È l’allarme che deriva dal rapporto confidenziale appena distribuito dall’International Atomic Energy Agency ai Paesi membri, secondo cui nella centrale di Fordo è stato arricchito l’uranio fino alla soglia dell’83,7%. Il 90% viene considerato il livello necessario a realizzare testate, e quindi Teheran è quasi in grado di produrle. La Repubblica islamica ha risposto all’Aiea che si è trattato di un episodio accidentaleche ha riguardato poche particelle, non un tentativo volontario di accelerare la corsa alle armi. Gli ispettori dell’agenzia dell’Onu ora sono nel Paese, per verificare cos’è successo. Secondo l’accordo Jcpoa del 2015, l’Iran poteva arricchire l’uranio al 3,67%, la quantità per poter operare una centrale nucleare a scopi civili. Da quando nel 2018 l’amministrazione Trump si è ritirata da quell’intesa, gli ayatollah si sono sentiti liberi di procedere come preferivano. Perciò hanno fatto salire l’arricchimento dell’uranio al 60%, una soglia che secondo gli esperti di non proliferazione non ha alcun uso civile. Durante una visita compiuta il 21 gennaio a Fordo, gli ispettori dell’Aiea hanno notato che due centrifughe IR-6 erano state configurate in maniera «sostanzialmente diversa» rispetto a quanto dichiarato. Quindi il giorno successivo hanno raccolto dei campioni, ed esaminandoli hanno scoperto che alcune particelle erano state arricchite al livello di purezza dell’83,7%. Hanno chiesto spiegazioni, e secondo il rapporto «l’Iran ha informato l’agenzia che durante il periodo di transizione potrebbero essersi verificate “fluttuazioni involontarie” nei livelli di arricchimento». In altre parole un erroremomentaneo, che non tradisce la volontà di accelerare la corsa alla bomba atomica. Il rapporto però rivela che l’uranio arricchito da Teheran al 60% è salito di 25,2 chili dall’ultimo trimestre, arrivando a 87,5 chili in totale. Secondo gli esperti servono almeno 55 chili per costruire un ordigno, e quindi in teoria la Repubblica islamica potrebbe adesso realizzarlo in pochi mesi. Il direttore della Cia William Burns ha detto che l’ayatollah Khamenei non ha ancora deciso di procedere in questo senso, ma gli ispettori dell’Aiea sono andati in Iran per verificare cosa sia successo.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT