giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
16.01.2023 I russi che scappano all'estero
Cronaca di Rosalba Castelletti

Testata: La Repubblica
Data: 16 gennaio 2023
Pagina: 10
Autore: Rosalba Castelletti
Titolo: «'Puniamo i traditori'. La Russia si spacca sulle sanzioni a chi fugge all’estero»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 16/01/2023, a pag.10, l'analisi di Rosalba Castelletti dal titolo " 'Puniamo i traditori'. La Russia si spacca sulle sanzioni a chi fugge all’estero".

Immagine correlata
Rosalba Castelletti

Is Today's Russia a Relic of the Past? | Perspectives on History | AHA

MOSCA — Il marchio d’infamia di staliniana memoria “agente straniero” non basta più. Per quanti hanno lasciato la Russia per protestare contro il lancio dell’offensiva in Ucraina, il nuovo stigma èpredatel , “traditore”. E presto potrebbe entrare a far parte del lessico giudiziario e prevedere le pene più disparate. Il primo a parlare di “traditori” era stato lo stesso presidente Vladimir Putin: «Il popolo russo — aveva detto lo scorso marzo — sa distinguere i veri patrioti dalla feccia e dai traditori e sputarli come si fa con un moscerino volato accidentalmente in bocca ». Un’allusione, aveva chiarito il suo portavoce Dmitrij Peskov, a chi si opponeva alla cosiddetta “operazione speciale”. Da allora la “stampante impazzita” della Duma, la Camera bassa del Parlamento russo, aveva varato nuove leggi repressive o rafforzato quelle esistenti per un totale di 653 provvedimenti approvati nel 2022 — un record — spingendo in migliaia a fuggire. Ora i conservatori vorrebbero sanzioni più severe anche contro gli “emigrati bianchi” del Terzo Millennio che «si sentono impuniti credendo che la giustizia non possa raggiungerli»: bollini, la confisca dei beni, il divieto di rimpatrio o persino la revoca della cittadinanza. È iniziato tutto con le dichiarazioni di Artur Smoljaninov, attore 39enne che nel 2005 fu lodato da Putin per la sua interpretazione di una recluta sovietica nel film 9 rota (Nona compagnia). Già esiliato in Lituania e incriminato per discredito delle forze armate, intervistato a inizio anno ha osato dire che, se dovesse andare al fronte, combatterebbe per Kiev e che non gliene «frega niente» se la Russia «cadrà a pezzi» o «si trasformerà in ceneri radioattive». Apriti cielo. Da allora ogni esponente del partito al potere Russia Unita ha detto la sua. Il deputato Sultan Khamzaev ha chiesto l’incriminazione di Smoljaninov ed è stato subito accontentato dal Comitato investigativo con il plauso di Peskov. Non pago invece il deputato Oleg Morozov, già vicepresidente della Duma, che ha proposto che ai “traditori” venga vietato il rimpatrio «per vent’anni» e revocato il passaporto. Idea che ricorda la vecchia pratica sovietica di trasformare in apolidi i dissidenti che, come lo scrittore Vladimir Nabokov o il compositore Serghej Rachmaninov, ricevevano i “passaporti Nansen” dalla Società delle Nazioni. La Costituzione post-comunista vieta però di privare della cittadinanza chi è russo di nascita. Tanto che il senatore Andrej Klishas ha punzecchiato Morozov: i politici che propongono di «smettere di giocare secondo le regole», ha detto, dovrebbero rinunciare ai loro incarichi. Al che è intervenuto anche il leader di partito, l’ex presidente e premier Dmitrij Medvedev: visto che «la legge non funziona», ha replicato, bisognerebbe agire secondo «le regole dei tempi di guerra». Klishas ha bacchettato anche lui ricordando che quella in Ucraina è soltanto “un’operazione”. Non gli è invece dispiaciuta la proposta del presidente della Duma Vjacheslav Volodin di confiscare le proprietà dei «farabutti che se ne sono andati», ma «si permettono di gettare fango sulla Russia» e di «sostenere i cattivi e nazisti». Peskov ha però invitato alla cautela. «I nemici sono nemici, dobbiamo combatterli, ma tutti gli altri sono nostri cittadini e devono rimanere tali», ha detto, spiegando che la questione è «complessa» e potrebbe aprire «vasi di Pandora». Tra i russi che hanno lasciato il Paese ci sono anche molti informatici che lavorano da remoto: il timore è che nuove restrizioni possano spingerli tra le braccia di aziende straniere. Non solo. Ci sono anche i familiari degli stessi parlamentari che inveiscono contro gli esuli. Peskov però non ha escluso una riflessione sul tema: «Per prima cosa bisogna definire cosa considerare reato». Non a caso a stretto giro Kirill Kabanov, membro del Consiglio presidenziale per i diritti umani, ha annunciato che discuterà coi suoi colleghi «la definizione legale dipredatel ». È probabile che l’acceso dibattito si concretizzerà in qualche iniziativa legislativa. Domani si aprirà la prima plenaria della Duma del 2023. Dmitrij Gusev, vicecapo del partito Russia Giusta—Per la verità, ha già detto che proporrà di contrassegnare gli artisti dissidenti con un bollino giallo e la scritta “traditori” nei titoli di testa dei film. Ma il politologo Ilja Grashchenkov mette in guardia: «A un certo punto i “traditori” esterni finiscono e inizia la ricerca di quelli interni». Stando al quotidianoVedomosti , la caccia sarebbe già iniziata: grazie a «intelligenza artificiale e speciali algoritmi», il partito avrebbe rimosso i “traditori” dal proprio “database di sostenitori”. Di 25 milioni ne sarebbero rimasti 13. Una vera e propria purga.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT