giovedi` 13 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
11.01.2023 Ue e Nato, più armi all'Ucraina
Analisi di Gianluca Di Feo

Testata: La Repubblica
Data: 11 gennaio 2023
Pagina: 8
Autore: Gianluca Di Feo
Titolo: «Ue e Nato: 'Diamo più tank all’Ucraina anche a costo di indebolire le scorte'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 11/01/2023, a pag. 8, con il titolo "Ue e Nato: 'Diamo più tank all’Ucraina anche a costo di indebolire le scorte'" il commento di Gianluca Di Feo.

Immagine correlata
Gianluca Di Feo

Peace in Ukraine: Arm Ukrainians against Russia | National Review

Le notizie che arrivano dal fronte intensificano i colloqui tra le cancellerie occidentali per definire i nuovi aiuti bellici a Kiev. La priorità questa volta sono i mezzi corazzati, necessari per rimpiazzare le perdite subite in dieci mesi di battaglie e fronteggiare le temute offensive russe. Ormai si fatica a reperire tank di progettazione sovietica e c’è la volontà di concedere i blindati degli eserciti della Nato. Tutti però hanno lo stesso problema: le riserve di armamenti hi-tech sono limitate e sono state intaccate dalle precedenti forniture all’Ucraina. Un tema discusso ieri nell’incontro tra il segretario generale dell’Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen: «I membri della Nato stanno diminuendo le proprie scorte per dare aiuti militari all’Ucraina e questa è la cosa giusta da fare perché è in gioco la nostra sicurezza», ha dichiarato Stoltenberg. Diversi piani vengono discussi in vista del vertice di Ramstein chedefinirà la lista degli aiuti. La Polonia ha chiesto alla Germania di autorizzare la cessione dei carri armati Leopard 2, i più moderni esistenti, ma Berlino frena. Soltanto Londra è intenzionata a trasferire i Challenger 2 di ultima generazione. L’orientamento condiviso con Washington sembra quello di concedere veicoli corazzati più vecchi e meno pesanti: i Bradleystatunitensi, gli Amx-10 francesi, i Marder tedeschi. L’obiettivo è formare tre nuove brigate entro maggio, il cui personale verrà addestrato nelle basi europee: una prospettiva che permetterebbe ai generali di Kiev di pianificare già da febbraio lareazione agli attacchi russi senza preoccuparsi di tenere riserve. Le discussioni in corso sono soprattutto politiche, perché stabiliscono le intese tra governi — come quella che sta venendo negoziata tra Francia e Germania — e testimoniano concretamente la solidità dell’alleanza di fronte alla Russia. «Putin voleva dividerci ma ha fallito — ha sottolineato ieri Stoltenberg — . Il regime di Mosca voleva un’Europa differente e ciò avrebbe avuto conseguenze sulla nostra sicurezza». Finora non è emersa la posizione dell’Italia, che però ha sempre mantenuto riservate le decisioni sul sostegno bellico a Kiev. Il governo Meloni sta valutando se fornire lo “scudo” dei missili Samp-T e dei più vecchi Aspide. Si tratta dei sistemi anti-aerei chiesti dal presidente Zelensky nel vertice di Ramstein di settembre: Usa, Germania, Spagna e Francia li hanno già schierati in Ucraina e si preparano a consegnarne una seconda trance. Il via libero di Roma verrà discusso a febbraio.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT