lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
23.12.2022 Trump contro Zelensky
Cronaca di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 23 dicembre 2022
Pagina: 4
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Zelensky al Congresso seduce l’America ma non i trumpiani»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 23/12/2022 a pag. 4 la cronaca di Paolo Mastrolilli dal titolo "Zelensky al Congresso seduce l’America ma non i trumpiani".

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

Ukraine's Six Months of Resistance, Resilience, and Resolve - U.S. Embassy  in Romania

L’appassionato discorso di Volodymyr Zelensky al Congresso ha toccato gli americani, ma non ha cambiato l’umore dei repubblicani trumpisti più malmostosi. Quelli che per interessi di politica interna, se non per vantaggi personali, corteggiano il populismo contrario a pagare la difesa dell’Ucraina dall’invasione russa. Dunque dopo la sua rocambolesca visita a Washington, anche se ieri il Parlamento ha approvato una legge finanziaria da 1.700 miliardi di dollari che include 45 miliardi di aiuti per Kiev, gli interrogativi fondamentali restano due: primo, quanto questa fronda interna riuscirà a deragliare l’assistenza futura, tenendo presente che a gennaio il Gop assumerà la guida della Camera; secondo, fino a quando Biden negherà le armi offensive richieste dagli aggrediti, dopo avendo cambiato linea sui Patriot. Come i soldati americani durante il Natale del 1944 fermarono i nazisti sulle Ardenne, così quelli ucraini combattono oggi contro i russi per salvare libertà e democrazia. È il paragone più forte fatto da Zelensky mercoledì sera al Congresso, per convincere il popolo Usa che la guerra lo riguarda da vicino: «Non sono soldi dati in beneficienza, ma un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia ». La principale missione del presidente era sbloccare i 45 miliardi, ma anche preparare il terreno per aiuti futuri. Lo ha fatto con un discorso emotivo, in cui ha cercato di raccontare le sofferenze del suo popolo, e spiegare di cosa ha bisogno per prevalere. Nonostante «le tattiche primitive russe, e contro ogni probabilità, l’Ucraina non è caduta, ma vive e combatte. Non ci arrenderemo mai». Il presidente ha avvertito che «il prossimo anno sarà critico, voi potete velocizzare la nostra vittoria». Zelensky ha definito la Russia «uno Stato terrorista», che «potrebbe fermare l’aggressione, se volesse ». Ha ricordato il suo piano di pace in dieci punti, discusso con Biden, ma Putin non lo ascolta. Quindi ha teso la mano ai cittadini russi, dicendo che «anche loro potranno essere liberi, ma solo quando sconfiggeranno il Cremlino nelle loro menti. La tirannia ha perso il controllo su di noi. La lotta continua e dobbiamo sconfiggere il Cremlino sul campo di battaglia». Da qui la necessità degli aiuti americani: «Abbiamo l’artiglieria, grazie. È abbastanza? Onestamente no». Perciò ha ricordato la Battle of the Bulge del 1944, quelladi Saratoga che cambiò la Rivoluzione americana, e ha citato Roosevelt: «La vittoria dell’Ucraina sarà anche la vittoria dell’America». Ha ricordato che Putin usa i droni iraniani, per smuovere i repubblicani ostili al regime degli ayatollah, e ha avvertito che i prossimi obiettivi del Cremlino, se non verrà fermato ora, saranno altri alleati degli Usa in Europa. Ha parlato al cuore delle famiglie americane, quando ha notato che «fra pochi giorni è Natale. In Ucraina lo celebreremo a lume di candela, ma non per romanticismo. Non abbiamo l’elettricità e molti non hanno l’acqua. Ma non ci lamentiamo. La luce della nostra fede illuminerà il Natale. Quello che ci auguriamo in questo momento è la vittoria, solo la vittoria». Ha donato alla Speaker della Camera Nancy Pelosi la bandiera di battaglia firmata dai soldati, che aveva visitato martedì sul fronte di Bakhmut. Lei ha contraccambiato con una bandiera americana, che aveva sventolato sul Congresso in suo onore. Quindi Zelensky ha concluso augurando un «buon Natale e un buon anno nuovo vittorioso». Non ha convinto tutti, però. Tanto per cominciare, solo 86 dei 213 parlamentari repubblicani sono venuti ad ascoltarlo. La deputata Marjorie Taylor Greene ripresenterà la sua risoluzione, finora bocciata, per bloccare gli aiuti all’Ucraina. I colleghi Gaetz e Boebert sono andati al discorso, ma senza applaudire, e lui alla fine ha detto: «Bravo Zelensky a mettere il suo Paese davanti a tutto, i politici americani non vogliono fare lo stesso per il nostro». Argomento populista ripetuto alla nausea dal propagandista diFox News Tucker Carlson. Il presunto nuovo Speaker Kevin McCarthy, che ha bisogno dei voti della destra trumpista per essere confermato, ha incontrato Zelensky, ripetendo però che «non firmerò assegni in bianco all’Ucraina», mentre il vice Scalise annuncia inchieste per verificare come vengono spesi i soldi. Il leader al Senato McConnell dice invece che «sostenere Kiev è la priorità degli Usa», e ora si tratta di vedere quale corrente prevarrà. Vista la maggioranza risicata del Gop alla Camera, è difficile che i filorussi riescano a prevalere, ma possono rallentare le forniture. Biden intanto ha concesso i Patriot, ma ha negato i missili Atacms, i droni Gray Eagle e Reaper, i carri armati Leopard, Marder e M1 Abrams. Nonostante i 45 miliardi di ieri, la missione di Zelensky resta in salita.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT