lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
22.12.2022 Il giorno di Zelensky da Biden: 'Vogliamo la pace, Putin no'
Cronaca di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 22 dicembre 2022
Pagina: 6
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Il giorno di Zelensky da Biden: 'Vogliamo la pace, Putin no'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 22/12/2022 a pag. 6 la cronaca di Paolo Mastrolilli dal titolo "Il giorno di Zelensky da Biden: 'Vogliamo la pace, Putin no' ".

Immagine correlata
Paolo Mastrolilli

Ukraine's Six Months of Resistance, Resilience, and Resolve - U.S. Embassy  in Romania

«Non siete mai stati soli, non lo sarete mai». È la solenne promessa che Biden ha fatto ieri al leader ucraino Zelensky, ricevendolo alla Casa Bianca. Ha approvato un nuovo pacchetto di aiuti militari per 1,85 miliardi di dollari, inclusi i Patriot per la difesa dai missili che Putin sta lanciando sulle città. Però ha ripetuto che non vuole «scatenare la Terza guerra mondiale o combattere con la Russia, ma mettere Kiev in condizioni di vincere sul terreno, per poi vincere anche al tavolo delle trattative diplomatiche». Zelensky ha risposto che non sa «quale possa essere una pace giusta, perché le violenze scatenate dallo stato terroristico russo hanno inflitto così tanto dolore alla nostra gente, che sarà difficile convincerla a non cercare la vendetta». Il presidente ucraino è atterrato ieri a Washington verso mezzogiorno per il suo primo viaggio all’estero dall’inizio dell’invasione. Seduto davanti al caminetto dell’Ufficio Ovale, ha consegnato a Biden la medaglia di un capitano delle batterie di artiglieria americane Himars, ricevuto il giorno prima durante la visita a Bakhmut, sul fronte più caldo della guerra. Il capo della Casa Bianca si è quasi commosso: «Non la merito, ma l’apprezzo moltissimo». Poi gli ha ricordato che la rivista Time lo ha appena messo in copertina: «Negli Usa, e nel mondo, sei l’uomo dell’anno». In conferenza stampa Biden ha annunciato il nuovo pacchetto di aiuti, più i 45 miliardi in discussione al Congresso, dove in serata Zelensky ha tenuto un discorso: «La lotta in corso non è solo per l’Ucraina, ma per difendere i principi della democrazia e la libertà». Sulle prospettive di pace ha detto che Putin non la vuole, «ma noi aiutiamo Zelensky perché possa sedersi da vincitore al tavolo delle trattative, quando sarò pronto a parlare con i russi. Putin ha fallito e fallirà ». Zelensky ha risposto: «Voglio la pace, ma non so ora quale possa essere una pace giusta, per chi ha perso i figli e la vita». Però ha aperto ad un summit che discuta il futuro del paese, garantendo «la nostra integrità e il rispetto delle leggi internazionali. Combattiamo per gli stessi valori, vinceremo contro la tirannia». Un’autorevole fonte della Casa Bianca aveva spiegato così gli obiettivi della visita di Zelensky: «Biden avrà l’opportunità di ribadire che il nostro sostegno non riguarda solo ciò che abbiamo fatto finora, ma ciò che faremo per tutto il tempo necessario. Sfortunatamente, poiché la Russia non ha mostrato alcun interesse a porre fine a questa guerra brutale, così come non era stata disposta ad impegnarsi in sforzi diplomatici in buona fede per evitare il conflitto. Sappiamo che la guerra proseguirà, l’inverno sarà duro, e continueremo giorno dopo giorno a fornire un supporto fondamentale al popolo ucraino». L’alto funzionario della Casa Bianca si è detto fiducioso che il nuovo Congresso, nonostante la maggioranza repubblicana alla Camera, non abbandonerà Kiev: «Nonostante alcune voci e suggerimenti contrari, il sostegno all’Ucraina rimarrà ampio, profondo e bipartisan». Quindi ha aggiunto: «Non si tratta di inviare un messaggio a un particolare partito politico, ma a Putin e al mondo, che l’America starà con l’Ucraina per tutto il tempo necessario». Nessuna pressione, invece, per la trattativa: «La Russia potrebbe porre fine alla guerra domani ritirandosi dall’Ucraina. Ma non mostra alcuna intenzione di farlo e di sedersi seriamente al tavolo. Quindi non vediamo la diplomazia, che porterebbe alla fine della guerra a condizioni giuste, come un orizzonte a breve termine ». Perciò «il presidente è stato assolutamente chiaro fin dall’inizio che il suo principio è “Niente sull’Ucraina senza l’Ucraina”. Non farà pressioni o spingerà Zelensky al tavolo dei negoziati, ma lavorerà con Congresso e alleati per mettere Kiev nella migliore posizione possibile sul campo di battaglia, in modo che quando i tempi saranno maturi, si troverà nella migliore posizione possibileper le trattative. Il presidente non lancerà il messaggio di pungolare Zelensky in alcun modo. Il suo sarà un messaggio di solidarietà e sostegno, coordinamento e allineamento». Quindi un messaggio di risolutezza, e convinzione che stiamo facendo la cosa giusta. Un messaggio di sostegno per l’Ucraina e il suo popolo. In quest’ora critica, mentre entriamo nell’inverno, meritano di sapere che l’America e il mondo sono al loro fianco».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT