lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
18.12.2022 I soldati sacrificati da Putin
Cronaca di Fabio Tonacci

Testata: La Repubblica
Data: 18 dicembre 2022
Pagina: 17
Autore: Fabio Tonacci
Titolo: «Dall’Artico a Kharkiv i soldati di ghiaccio sacrificati da Putin»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 18/12/2022, a pag. 17, con il titolo "Dall’Artico a Kharkiv i soldati di ghiaccio sacrificati da Putin" la cronaca di Fabio Tonacci.


Fabio Tonacci

Is Today's Russia a Relic of the Past? | Perspectives on History | AHA

Gli uomini venuti dal ghiaccio sono stati spazzati via. Non tutti, ma quasi. Erano tra i migliori soldati della Russia, raggruppati nella famosa 200ma brigata motorizzata di fucilieri che, nel gelo del Circolo polare artico, fa da cuscinetto con la Nato e protegge i porti dei sottomarini nucleari della Flotta del nord. Quelle stesse basi da cui, nel film di John McTiernan, salpava l’Ottobre Rosso di Sean Connery. A gennaio Putin ha mandato al confine ucraino due reggimenti della 200ma senza specificare cosa andassero a fare. «Esercitazioni», è stato detto loro. Erano 1.400, a maggio erano diventati 900. Adesso sono anche meno, in condizioni pietose. Aggregati a soldati mal addestrati e peggio equipaggiati provenienti dall’involontario bacino della mobilitazionerussa. Nella rovinosa caduta della 200ma, ricostruita da una lunga inchiesta del Washington Post ,si trova uno dei mot ivi per spiegare come mai il secondo esercito più potente del mondo non sia riuscito a prendersi l’Ucraina in poco tempo, come era nei piani di Mosca. E perché Putin si mostri assai preoccupato per l’andamento dell’“operazione speciale”, tanto da convocare due giorni fa i vertici militari: il ministro della Difesa Shojgu, il capo di stato maggiore Gerasimov, i comandanti delle forze armate. A tutti ha fatto la medesima richiesta. «Vorrei sentire le vostre proposte sulle nostre azioni a breve e medio termine». Non esattamente l’indice di una situazione in controllo. Secondo fonti qualificate, anni fa Putin ha segretamente usato i fucilieri dell’Artico in Siria, per sostenere il regime di Assad. Li considera, a ragione, reparti di élite. In Ucraina dovevano conquistare Kharkiv in poche ore. Stando ad alcune testimonianze, gli è stato detto il vero motivo per cui avevano lasciato la penisola di Kola solo alle tre del mattino del 24 febbraio, due ore prima dell’invasione. «Non è un’esercitazione, ci sarà da sparare», si sono sentiti dire da un generale. Un convoglio di cento veicoli blindati si è allora messo in marcia, attraversando la frontiera e puntando verso la seconda città più popolata dell’Ucraina. Hanno potuto raggiungere solo isobborghi: finiti in un’imboscata dopo l’altra, hanno lasciato per strad a cadaveri, carri armati in fiamme, sistemi lanciamissili distrutti. IlWashington Post ha avuto accesso a documenti interni della brigata, riferibili al periodo di maggio, che testimoniano come in meno di tre mesi il contingente si sia dimezzato. Il comandante era ferito alla testa, vomitava e non ricordava cosa fosse successo sul campo. Nella lista delle unità attive figuravano in realtà feriti, ospedalizzati, disertori e soldati che si rifiutavano di combattere. «La brigata ha sofferto gli stessi problemi che affliggono altre unità russe: poco cibo e poco carburante ». La decisione di Putin di tenere all’oscuro anche i più alti in grado sulla strategia complessiva — emerge dalla documentazione — ha impedito ai comandanti della brigata artica la preparazione adeguata delle truppe e il coordinamento con altre unità. Putin, che ieri è stato sfidato a un duello corpo a corpo da Volodymyr Zelensky («Sono pronto, anche domani», ha detto il presidente ucraino a un canale televisivo francese), sta cercando di tenere in piedi la 200ma brigata con forze fresche, ma inesperte. Incurante della sorte dei suoi uomini migliori. «È disposto ad accettare la morte o il ferimento di 300mila soldati, e per un tempo indefinito», dicono i generali dei Paesi Nato.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT