domenica 03 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
14.12.2022 Iran, i processi farsa
Cronaca di Gabriella Colarusso

Testata: La Repubblica
Data: 14 dicembre 2022
Pagina: 17
Autore: Gabriella Colarusso
Titolo: «Iran, i processi farsa del giudice-boia: 'Inutile difenderti, ti condanno a morte'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 14/12/2022, a pag.17, con il titolo "Iran, i processi farsa del giudice-boia: 'Inutile difenderti, ti condanno a morte' ", la cronaca di Gabriella Colarusso.

Gabriella Colarusso (@gabriella_roux) | Twitter
Gabriella Colarusso

Pena di morte, Iran: almeno 251 esecuzioni nei primi sei mesi di  quest'anno, il totale delle impiccagioni del 2021 (314) sarà presto  superato - la Repubblica

A Teheran lo chiamano “il giudice delle impiccagioni”, una fama oscura di cui si torna a parlare con terrore nei giorni in cui la magistratura iraniana esegue le prime condanne a morte per le proteste. A decidere l’impiccagione di Moshen Shekari, 23 anni, il primo manifestante giustiziato, è stato lui, Abolghassem Salavati, il giudice a capo della sezione 15 del Tribunale rivoluzionario islamico di Teheran. Del suo passato si sa pochissimo: nessuna notizia su dove sia nato o su quale formazione legale abbia. A essere certa è la drammatica conta delle sentenze di condanna a morte o di lunga prigionia che portano la sua firma. Secondo la ong United for Iran, al 15 settembre 2020 Salavati «aveva emesso 25 condanne a morte e condannato 250 imputati a un totale di 1.277 anni di carcere e 540 frustate ». L’organizzazione conta «229 imputati nei suoi casi a cui è stato negato l’accesso all’assistenza legale, non meno di 166 messi in isolamento prolungato, e almeno 104 a cui non sono state consentite visite familiari o telefonate». Vicino all’attuale capo della magistratura Gholam-Hossein Mohseni- Ejei, il suo nome divenne tristemente noto all’opposizione iraniana dopo le grandi proteste del 2009 contro la vittoria alle elezioni di Ahmadinejad, quando il giudice presenziò diversi processi a carico dei manifestanti, anche in quel caso comminando sentenze pensantissime. Il 29 ottobre davanti alla sua corte sono finiti in un processo collettivo sei manifestanti, Mohammad Ghobadlou, il rapper Saman Seydi (Yasin), Saeed Shirazi, Mohammad Boroughani, Abolfazl Mehri Hossein Hajilou e Mohsen Rezazadeh Gharagholou, tutti accusati dimoharebeh ,“guerra contro Dio”, o di “corruzione sulla terra”, reati per cui è prevista la pena capitale. Almeno due sentenze di morte, secondo Amnesty, quelle di Ghobadlou e Boroughani, sono state già decise. In aula, alle spalle di Salavati campeggiava la scritta “tribunale per trattare le accuse contro i recenti rivoltosi”. Uno striscione che «rivela la posizione fortemente prevenuta verso gli imputati e che mina la presunzione di innocenza», denuncia Amnesty. Salavati è il giudice che condannò a morte anche il giornalista e attivista Ruhollah Zam, ideatore di un canale di informazione indipendente seguitissimo in Iran, Amadnews : fu impiccato esattamente due anni fa, accusato di aver fomentato le proteste del 2017 e del 2018: “corruzione sulla terra”. Ma Salavati è anche il giudice che ha presieduto i processi di numerosi cittadini con doppia nazionalità, considerati dalle organizzazioni per i diritti umani non equi e politicamente motivati. Da lui fu condannato per “spionaggio” anche il giornalista iraniano-americano Jason Rezaian, corrispondente da Teheran del Washington Post , che ha passato 544 giorni in carcere. «In aula, dove c’erano le telecamere della tv di Stato, Salavati manteneva un profilo basso. Fuori dall’aula l’ho incontrato tre volte ed era molto intimidatorio », racconta Rezaian a Repubblica . «Non ho potuto avere un mio avvocato di fiducia e quando incontravo quello assegnatomi Salavati era presente. Immagina che sei sotto processo e vuoi preparare la difesa con il tuo avvocato e il giudice e il magistrato sono lì a ogni incontro, è contro ogni legge». Rezaian ha raccontato la sua esperienza in un libro e in un podcast. Prima del processo, ricorda, «mi disse: “Perché state perdendo tempo? Ti condannerò a morte, tu sei una spia americana”». I tribunali rivoluzionari furono creati da Khomeini nel 1979 e negli anni sono stati accusati di pesanti violazioni degli imputati, privati diuna giusta difesa, di avvocati di fiducia, tenuti in isolamento e giudicati in processi senza prove o contraddittorio. «Non sono veri tribunali, ma corti ideologiche», dice Rezaian. Nel 2011 Salavati è stato sanzionato dall’Unione europea insieme ad altre 22 persone e nel 2019 anche il dipartimento di Stato Usa l’ha inserito nella lista delle persone sotto sanzioni per violazione dei diritti umani.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT