martedi` 31 gennaio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
28.11.2022 Iran, il rapper più amato rischia la pena di morte
Cronaca di Gabriella Colarusso

Testata: La Repubblica
Data: 28 novembre 2022
Pagina: 19
Autore: Gabriella Colarusso
Titolo: «Il rapper che contesta il regime iraniano rischia la pena di morte»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 28/11/2022, a pag.19, con il titolo "Il rapper che contesta il regime iraniano rischia la pena di morte", la cronaca di Gabriella Colarusso.

Gabriella Colarusso (@gabriella_roux) | Twitter
Gabriella Colarusso

Mahsa Amini Iran protests continue as the public rejects the regime's  propaganda
Ali Khamenei - le proteste delle donne iraniane

La musica di Toomaj risuona nelle auto e sui telefonini, accompagna le discussioni nella notte di Teheran: “Il crimine di qualcuna è stata avere i capelli al vento, il crimine di qualcun altro è stato non tacere”. Questa musica potrebbe costare la vita a Toomaj Salehi, 32 anni, uno dei più amati rapper iraniani diventato voce e volto delle proteste divampate in tutto il Paese dopo la morte di Mahsa Amini il 16 settembre scorso. I suoi versi contro la corruzione, l’impunità, i soprusi delle forze dell’ordine e della magistratura hanno ispirato molti a scendere in strada, lui stesso si è fatto vedere in piazza accanto ai manifestanti chiamando alla «protesta pacifica, perché dobbiamo unire, non dividere». Il 30 ottobre è stato arrestato e ieri, dopo un lungo silenzio durante il quale la famiglia ha denunciato torture nei suoi confronti, la magistratura di Isfahan ha formalizzato le accuse: “corruzione sulla Terra”, reato che in Iran può essere punito con la pena di morte, per “aver cooperato con Stati ostili contro la Repubblica Islamica”, per “propaganda contro il sistema”, “formazione di gruppi illegali per minare la sicurezza” del Paese, “incoraggiamento a mettere in atto azioni violente”.

Toomaj Salehi, formalizzate le accuse contro il rapper iraniano. Rischia la  pena di morte ! SkyTg24
Toomaj Salehi

All’udienza non ha potuto presenziare l’avvocato scelto dalla famiglia. La prima volta che è stato in prigione Toomaj aveva pochi mesi: «Tra le braccia di mia madre, accusata di aiutare le famiglie dei prigionieri politici», ha raccontato, poi ancora nel 2021, poco dopo il rilascio di suo padre, anche lui dissidente, rinchiuso per otto anni in carcere a Teheran. Nella vita fa l’operaio, da musicista si è costruito un largo seguito - più di 800mila follower su Instagram, 300mila su Twitter, canali adesso gestiti da una persona di fiducia – e ha messo le sue piattaforme a disposizione del movimento. Avrebbe potuto riparare all’estero, come altri artisti finiti nel mirino delle autorità, ma ha scelto di restare in Iran: «Amici miei, se vengo arrestato, non sentitevi persi. Ho fatto il mio dovere, ho cantato per le strade. Tenete la testa alta e senza paura, avremo la nostra vittoria», scrisse nell’agosto 2021. La sua storia è per certi versi simile a quella di Hossein Ronaghi, un attivista per i diritti umani e blogger molto popolare in Iran, che dal 2009 ha passato 6 anni in prigione. Arrestato perché sosteneva le proteste, dopo 62 giorni di sciopero della fame è stato rilasciato ieri con un permesso medico. È arrivato in ospedale sulla sedia a rotelle. La famiglia aveva denunciato maltrattamenti nei suoi confronti accusando le forze di sicurezza di avergli rotto una gamba. In un video condiviso online, si vedono le infermiere accoglierlo con affetto: «Sii forte Hossein, Zan Zendeghi, Azadi » (“Donna, vita, libertà”) dice una voce fuori campo scandendo lo slogan del movimento pro-democrazia. In dieci settimane in Iran sono state arrestate più di 14mila persone, secondo l’Onu, 1.000 processi sono già stati avviati e ci sono già sei condanne a morte.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT