sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
04.11.2022 Iran: la polizia apre il fuoco sui giovani
Cronaca di Gabriella Colarusso

Testata: La Repubblica
Data: 04 novembre 2022
Pagina: 20
Autore: Gabriella Colarusso
Titolo: «Iran, scontri davanti ai cimiteri, la polizia apre il fuoco sui giovani»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 04/11/2022, a pag.20, con il titolo "Iran, scontri davanti ai cimiteri, la polizia apre il fuoco sui giovani", la cronaca di Gabriella Colarusso.

Gabriella Colarusso (@gabriella_roux) | Twitter
Gabriella Colarusso

“Per ognuno di noi che muore, mille scenderanno in strada”, cantano da sette settimane gli studenti nelle università. E succede davvero: l’Iran piange i suoi giovani, vittime della repressione, e la rabbia riesplode a ogni cerimonia. Raggiungere i cimiteri chiusi dalla polizia è diventato un atto politico. Ieri le strade di diverse città si sono riempite di manifestanti. A Karaj, a Ovest di Teheran, centinaia di persone si sono messe in marcia di mattina per raggiungere il cimitero di Behesht-e Sakineh a 40 giorni dall’uccisione della 22enne TikToker Hadis Najafi. La polizia aveva bloccato gli accessi, ma non è servito. Così le forze di sicurezza hanno fatto fuoco sulla folla e secondo alcuni testimoni avrebbero attaccato i manifestanti anche con i machete. La risposta è stata violenta. Un gruppo di uomini ha assaltato un’auto della polizia, negli scontri è mortoun basiji — la milizia paramilitare impiegata per reprimere le proteste — e altri cinque agenti sono rimasti feriti. Nel quartiere Fouladshahr di Isfahan c’è stato forse uno dei cortei più partecipati dall’inizio delle manifestazioni, migliaia di persone in ricordo della 18enne Mahsa Mogoui, come pure ad Arak, dove in centinaia si sono uniti per celebrare lo chef di 20 anni Mehrshad Shadidi ucciso dalle forze di sicurezza a bastonate, o ad Amol, dove le piazze si sono riempite per i 40 giorni dall’uccisione della 32enne Ghazaleh Chalabi.

Mahsa Amini Iran protests continue as the public rejects the regime's  propaganda
Ali Khamenei - le proteste delle donne iraniane

Un elenco lungo, drammatico, che secondo l’organizzazione Human Rights Activists News Agencyconta 298 morti, di cui almeno 47 minorenni, e 36 agenti di sicurezza. Il clima è sempre più teso, alle morti si sommano le sparizioni e gli arresti. Almeno 12mila persone sono finite in prigione, dice Hrana, centinaia sono studenti, le famiglie in molti casi non hanno notizie della loro sorte. I riferimenti del movimento guidato da giovani e donne finiscono dietro le sbarre, come il rapper Toomaj Salehi, seguitissimo in Iran, che è stato uno dei più decisi sostenitori delle proteste, e che si è sempre rifiutato di lasciare il Paese pur sapendo il rischio che correva. La repressione e la chiusura della leadership iraniana che ha bollato le manifestazioni come orchestrate dai nemici dell’Iran alimentano la rabbia e nuove manifestazioni in un clima che rischia di genere altra violenza. Ieri a Zahedan è stato aggredito e ucciso l’imam di una moschea. I media governativi hanno dato la notizia senza però fornire dettagli su chi siano gli assalitori.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT