lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
02.11.2022 La rivincita di Benjamin Netanyahu
Commento di Enrico Franceschini

Testata: La Repubblica
Data: 02 novembre 2022
Pagina: 15
Autore: Enrico Franceschini
Titolo: «La clamorosa rivincita di Bibi e lo spettro destra estrema»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 02/11/2022, a pag. 15, il commento di Enrico Franceschini dal titolo "La clamorosa rivincita di Bibi e lo spettro destra estrema".

ENRICO FRANCESCHINI | Cristofariphoto
 Enrico Franceschini

Primo colloquio tra Joe Biden e Benjamin Netanyahu:
Benjamin Netanyahu

Rieccolo. Se gli exit poll sono esatti, le quinte elezioni israeliane in quattro anni producono il ritorno di Benjamin Netanyahu, sia pure accompagnato dallo spettro dell’estrema destra al governo. Una clamorosa rivincita per l’uomo politico più a lungo al potere (quindici anni) nella storia di Israele, in procinto di tornarci dopo essere stato brevemente spodestato da una coalizione senza precedenti di destra, centro e sinistra, unita dal desiderio di soppiantarlo. Si è votato così di frequente nello Stato ebraico dal 2017 a oggi, che qualche commentatore paragona la sfida fra Bibi, come lo chiamano i sostenitori, e i suoi avversari a un playoff in cinque elezioni: ebbene, con quella di ieri Netanyahu ha prevalso in quattro su cinque delle ultime gare elettorali. Erano le prime elezioni dal 2009 a cui non arrivava come primo ministro. Gli pendeva sulla testa un processo per frode e corruzione. E il suo rivale, il premier uscente Yair Lapid, era un centrista che ha abilmente maneggiato sia la guerra, un’operazione lampo a Gaza, sia la pace, un importante accordo con il Libano. Eppure, il Likud di Netanyahu rimane largamente il partito più forte con un terzo dei voti e il mandato per formare un esecutivo toccherà a lui. Per avere la maggioranza di 62 seggi su 120 pronosticata dagli exit poll, tuttavia, dipenderà da svariati partner tra i quali in primo piano il Partito Sionista Religioso, il cui capo Itamar Ben Gvir è un colono residente nei Territori Occupati, recentemente ripreso con la pistola in pugno durante scontri con i palestinesi: un discepolo del movimento Kach messo al bando negli Stati Uniti, che non solo rifiuta ogni dialogo con i palestinesi di Cisgiordania e Gaza, ma definisce i 2 milioni di cittadini arabi di Israele una “quinta colonna” e mette nel mirino la Corte Suprema, arbitro dell’equilibrio nazionale. Israele non ha mai avuto un partito così estremista al governo. Il paradosso è che l’instabilità coincide con il potenziale creato dagli accordi di Abramo, la storica apertura dei paesi arabi nei confronti di Israele. L’unica vera democrazia del Medio Oriente ha bisogno di ritrovare il vigore dei padri fondatori, a sei mesi dall’anniversario in cui celebrerà 75 anni di esistenza. Ma fra chi diceva nessun futuro senza Bibi e nessun futuro con Bibi, continuano a vincere i primi.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT