domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
19.10.2022 Ma Berlusconi è diventato matto?
Cronaca di Filippo Ceccarelli

Testata: La Repubblica
Data: 19 ottobre 2022
Pagina: 5
Autore: Filippo Ceccarelli
Titolo: «La follia del Cavaliere che distorce la realtà. L’ultima esibizione per riprendersi la scena»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 19/10/2022, a pag. 5, con il titolo "La follia del Cavaliere che distorce la realtà. L’ultima esibizione per riprendersi la scena" la cronaca di Filippo Ceccarelli.

Berlusconi rivela:
Silvio Berlusconi

Ma Berlusconi è diventato matto? Nel tempo delle semplificazioni la circostanza che ieri si sia prodotto in una serie di esternazioni a capocchia non sembra sufficiente a declinare la giornata politica sotto il segno della psichiatria o, come frequentemente si sente mormorare nel Palazzo, della demenza senile. Da una parte, in effetti, considerate le fatiche del comando, c’è da chiedersi se la smania di apparire sempre e a tutti i costi un capo non sia essa stessa un sintomo della malattia mentale; mentre dall’altra occorre molta cautela nell’esprimere giudizi sui disturbi psicologici dei potenti, primo perché è impossibile fidarsi totalmente delle testimonianze degli amici e dei nemici e poi perché un vero leader non sarebbe tale senza la più grande capacità di nascondere la propria magagna mentale agli occhi della maggioranza. Ma il caso di Berlusconi è troppo particolare, e non solo perché con il tema della pazzia ha giocato fin dagli esordi in politica. Basti pensare al suo primissimo discorso, alla Fiera di Roma, 6 febbraio 1994. A quei tempi non aveva in volto il sorriso- rictus del joker, ma cominciò con le seguenti parole: «Mentre venivo qui, pensavo, lo penso ancora, che c’era un matto che stava andando a incontrarsi con altrettanti matti!». Applausi. Camminava su e giù per il palco, il microfono nella mano destra: «Ebbene, pensando a questa follia che sembra aver contagiato tutti noi e tanti altri dietro a noi, io pensavo che si era verificata ancora una volta quell’affermazione che è contenuta in un bellissimo libro, l’abbiamo editato ancora da poco, l’Elogiodella follia di Erasmo da Rotterdam, dove io in una prefazione dicevo: è vera la tesi che viene fuori da queste pagine. Le decisioni più importanti, le decisioni più giuste, la vera saggezza — e qui nuoveva l’altra mano per rafforzare il discorso — non è quella che scaturisce dal ragionamento, dal cervello, ma quella che scaturisce da una lungimirante visionaria follia!». Hai capito che paravento? Vaglielo a spiegare adesso a Meloni, Salvini, Giorgetti e Lollobrigida quante volte il Cavaliere ha dispensato alle folle e nei momenti più difficili questa storia della visionaria follia, che in lui soltanto è destinata a convertirsi in lungimiranza. Ecco dunque che, poche ore dopo aver fatto il bravo, ti fa acclamare Ronzulli presidente dei senatori, annuncia la lista dei “suoi” ministri in barba al Capo dello Stato e alla premier in pectore, di nuovo insiste con le sue preoccupazioni per la guerra, racconta di aver fatto pace con Putin rivelando uno scambio di doni alcolici e alla fine, previa mezza smentita del tutto implausibile, come estremo dono di sè invoca «Silenzio!» e dopo nemmeno un mese ripropina la solitissima barzelletta sui potenti nell’aereo in panne. Domanda: ma non è il Berlusconi di sempre?Quindi l’uomo che ha fatto di sé un personaggio, un po’ a somiglianza propria, un altro po’ sforzandosi di assomigliare a ciò che gli italiani vogliono che egli sia: l’attore, appunto, del suo personaggio. Forse voleva pareggiare il conto mediatico della Canossa a via della Scrofa, forse adesso prova a tenere la piccoletta sulla graticola, forse intende farle intorno terra bruciata. Beato chi è convinto che ieri abbia dato i numeri. E se invece, come mille altre volte accaduto per mezzo di gaffe, numeracci clowneschi, fissazioni dissennate e frequentazioni pericolose avesse messo in scena il consueto e lucido azzardo replicando quel suo potere ipnotico, furbastro, piratesco, eppure a suo modo glorioso? E certo che c’è di mezzo la realtà. Eppure sono ormai trent’anni che Silvione — in questo interprete sublime e assoluto del carattere nazionale — viene a patti con essa, quindi ora l’aggiusta, ora l’abbellisce, ora l’ignora, ora la distorce, ora l’addomestica, ora la nega; e lo fa con tale maestria e selvaggia naturalezza che a volte sembra matto anche solo nel credere che gli si possa credere; ma nel frattempo questa benedetta realtà finisce per confondersi con la sua rappresentazione. Così nessuno è mai in grado di capire “come andrà a finire”, eterno e vano interrogativo dell’epoca berlusconiana, col risultato di restare l’imprevedibile Signore della Meraviglia. Per quanto cervellotico, tutto ciò ha poco a che fare con i problemi del paese, però moltissimo con quelli del Cavaliere — il che spiega in parte perché l’era che prende il suo nome si configuri sul piano collettivo come un’enorme, colpevole e insensata perdita di tempo. E se siamo fuoriusciti dalla logica, beh, è pur vero che la politica non è fatta solo di razionalità, ma anche di sogni, simboli, inconscio, suggestioni, effervescenze, allucinazioni, paranoia, nichilismi. La “parte maledetta” è sempre lì, sul bordo, e spesso proprio chi riesce a farsela tornare utile purtroppo vince e rivince, fino a quando qualcuno o qualcuna, col permesso di Erasmo, non gli toglie il fiato e allora addio, addio.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT