martedi` 28 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
09.10.2022 Salta il ponte-simbolo, Russia ancora in difficoltà
Commento di Rosalba Castelletti

Testata: La Repubblica
Data: 09 ottobre 2022
Pagina: 11
Autore: Rosalba Castelletti
Titolo: «'È successa una cosa terribile'. I duri di Mosca sotto shock»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 09/10/2022, a pag.11, l'analisi di Rosalba Castelletti dal titolo "'È successa una cosa terribile'. I duri di Mosca sotto shock".

Immagine correlata
Rosalba Castelletti

Is Today's Russia a Relic of the Past? | Perspectives on History | AHA
Putin allo specchio: ecco Stalin

«Niente panico!». Il primo a dirlo, sui suoi profili social, è niente di meno che Mostik, il gatto mascotte del ponte di Kerch che congiunge la Russia alla Crimea. Stesso messaggio di Serghej Aksionov, governatore della penisola che dipende completamente dalla Russia da quando è stata annessa da Mosca nel 2014. Cerca di placare i timori di carenza di cibo e di carburante invitando la popolazione a «calmarsi». Le autorità russe vogliono rassicurare. In tv la notizia dell’esplosione sul ponte-simbolo non è in primo piano. E in serata arrivano le immagini del traffico autostradale ripristinato in tempi record. Un’inchiesta viene aperta, ma nessuna fonte ufficiale azzarda ipotesi. A parte il capo della Duma della Crimea Vladimir Konstantinov che accusa «vandali ucraini». La portavoce della diplomazia Maria Zakharova si limita a stigmatizzare le reazioni occidentali di «natura terroristica». Kiev, dal canto suo, incolpa dell’incidente una resa dei conti interna in Russia. I suoi servizi parlano di purghe nell’esercito, «centro di Mosca chiuso» e inondato di militari. Ma nella capitale non ci sono segni di movimenti di truppe e fonti contattate daRepubblica smentiscono le notizie di arresti come «disinformazione di Kiev». Ma anche se nessuno in Russia punta il dito, le reazionidanno per scontata una matrice ucraina. A partire da Aleksandr Kots, inviato militare diKomsomolskaja Pravda: «La cosa più stupida che si possa fare è rassicurare il Paese che niente di terribile sia successo. È successo». Margarita Simonjan, direttrice diRt, exRussia Today, è ancora più laconica: «E?». Il ponte di Kerch inaugurato da Vladimir Putin a bordo di un camion dopo la rielezione nel 2018 è l’opera fortemente voluta dal presidente per sancire il ruolo geopolitico della Russia capace di riuscire con un’opera di alta ingegneria laddove tutti — dai britannici a fine ’800 a Hitler e Stalin — fallirono, ma soprattutto l’irreversibilità del suo controllo sulla Crimea. Ci si aspetta una risposta. Se l’aspetta l’ideologo Aleksandr Dugin: «Cancellate immediatamente questo malinteso chiamato Ucraina dalla faccia della Terra», dice sulla tvTsargrad. Se l’aspetta il deputato russo Oleg Morozov: «Altrimenti questo tipo di attacco terroristico si moltiplicherà». E persino Leonid Slutskij, capo della Commissione per gli affari esteri della Duma: «La risposta dovrebbe essere dura, ma non necessariamente diretta». C’è chi la dà per scontata. Come Andrej Guruliov, membro della commissione della Difesa della Duma: «Serve sicuramente una risposta forte e la daremo, ma non c’è bisogno di correre». Putin, aggiunge, «sa prendere decisioni forti e ben bilanciate e lo farà». Prima di schiacciare il tanto temuto pulsante rosso, il presidente russo ha ancora altre opzioni per puntare all’escalation. E ieri il ministro Serghej Lavrov ha insistito che «la politica nucleare russa è puramente difensiva». Putin, sostengono esperti militari russi, potrebbe colpire con armi convenzionali i centri governativi oppure infrastrutture strategiche. È quello che chiede il propagandista-in-capo del Cremlino, Vladimir Soloviov: una ritorsione che colpisca «ponti, dighe, linee ferroviarie, centrali elettriche e altre infrastrutture». Un’altra opzione ancora sarebbe colpire i convogli che portano armi a Kiev, ma col rischio di colpire personale Nato e provocare lo scontro diretto. La posta nella partita a poker si fa sempre più alta. Ma non sembra ancora venuto il momento di calare il temuto asso.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT