giovedi` 09 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gerusalemme e il Monte del Tempio (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
07.10.2022 Razov: 'Zelensky non vuole negoziare'. Ma Vespa lo gela: 'Volevate sparargli'
Cronaca di Paolo Brera

Testata: La Repubblica
Data: 07 ottobre 2022
Pagina: 16
Autore: Paolo Brera
Titolo: «Razov: 'Zelensky non vuole negoziare'. Ma Vespa lo gela: 'Volevate sparargli'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 07/10/2022, a pag. 16, con il titolo "Razov: 'Zelensky non vuole negoziare'. Ma Vespa lo gela: 'Volevate sparargli' " la analisi di Paolo Brera.

Ucraina, ambasciatore russo in Italia convocato lunedì alla Farnesina
Sergey Razov

Quando i media italiani scrivono di ciò che a Mosca non si può nominare — l’invasione dell’Ucraina, la guerra scatenata da Putin — diffondono «fake news » che per leggerle «bisognerebbe essere costretti da un tribunale». D’altronde Mosca «non ha annesso nessun territorio ucraino», e il gas che gorgoglia in fondo al mare e non arriva più nelle nostre cucine sono «la Ue e l’Italia a non volerlo più», mica il Cremlino. È la nenia cantata ieri sera nello studio di Porta a Porta dall’ambasciatore russo Sergey Razov, sempre più imbarazzato a dover contrattaccare con cappa e spada il Paese «in cui vivo da nove anni e che amo moltissimo» (come dargli torto: che splendidi soli, la mattina, da plenipotenziario russo al Gianicolo, nei giardini di villa Abamelek). È il mestiere del diplomatico. Il mite e sorridente Razov veste ormai da mesi l’abito imposto dal Cremlino. «Il ministro Lavrov ha detto che la Russia non parteciperà a un’escalation della retorica nucleare... Sono solo balle?», lo incalza Bruno Vespa, che lo interrompe e parla il triplo dell’ospite pur di non rischiare la figuraccia di Giletti a Mosca con Zakarova, o la scena muta diRete4 con Lavrov. «Non so di quali minacce nucleari russe si parli», replica Razov. «Non abbiamo intenzione di partecipare a questa escalation. Putin ha detto che difenderemo il nostro territorio con tutti i mezzi e le forze a disposizione, e ha ricordato che abbiamo vari tipi di armamenti. Tutto il resto sono speculazioni dei media, parole all’aria». «Quando è iniziata l’operazione speciale — dice — Putin ha spiegato i motivi di una decisione difficile. La geopolitica è la scelta del male minore ». Le chiama così, le stragi di un popolo invaso. Invece «in quelle regioni » occupate «vive il 15% della popolazione ucraina: sarà il caso di ascoltarli? Per otto anni in seminterrati, i bambini non vedevano la luce… Vengono pubblicate cose sui media occidentali che una persona normalepuò leggere e ascoltare solo per condanna di un tribunale o sotto narcosi. Ogni giorno sfoglio i principali giornali italiani, fake news è la cosa più leggera che si può dire di quanto viene pubblicato». Il solito paradosso, l’accusa alla stampa da un Paese che non la consente. Ma la guerra? Gli obiettivi? La trattativa? «La risposta non è nelle mie possibilità», dice. Però «Putin ha detto che siamo a favore del cessate il fuoco e di sederci a un tavolo. Ma il presidente Zelensky dice che l’Ucraina non negozierà. Bisogna aspettare che cambi idee, o che l’Ucraina cambi presidente ». «Avete provato a farlo sparandogli », lo gela Vaspa. Due battute, per finire: il nuovo governo «sarà il settimo nel mio mandato. La vostra instabilità è il segno della vostra stabilità », sorride Razov. Ma sul gas non sorride più: «Si specula che sia stata la Russia a sabotare il proprio gasdotto: capisco, sotto propaganda, ma non siamo idioti».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT