sabato 10 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
25.09.2022 Iran, il regime all'assalto della città dei curdi
Cronaca di Gabriella Colarusso

Testata: La Repubblica
Data: 25 settembre 2022
Pagina: 16
Autore: Gabriella Colarusso
Titolo: «Iran, sotto assedio la ribelle Oshnavieh: 'Temiamo morti e arresti tra i curdi'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 25/09/2022, a pag.16, con il titolo "Iran, sotto assedio la ribelle Oshnavieh: 'Temiamo morti e arresti tra i curdi' ", la cronaca di Gabriella Colarusso.

Gabriella Colarusso (@gabriella_roux) | Twitter
Gabriella Colarusso

Iran: UN calls for probe into death of Mahsa Amini in police custody | News  | DW | 20.09.2022
Mahsa Amini

«Hanno bloccato tutte le linee di comunicazione. Ci sono forze di sicurezza intorno alla città. Temiamo molti morti». La voce da Oshnavieh arriva attraverso una complicata catena di mediazione: dall’alba di sabato la città di circa 40mila abitanti nel Nord Ovest dell’Iran, a maggioranza curda, è isolata. Spento internet, staccate anche le linee telefoniche fisse, il governo ha inviato le forze speciali dei Guardiani della rivoluzione per sedare le proteste massicce scatenate dalla morte di Mahsa Amini, la ragazza fermata dalla polizia morale perché non indossava correttamenteil velo. Venerdì era stato dichiarato lo sciopero generale nelle città curde, e Oshnavieh si è mobilitata. A sera, «i manifestanti avevano preso il controllo della maggior parte delle strade della città, cacciando la polizia, molte donne erano senza velo», racconta una fonte a Repubblica . «Molte forze di sicurezza erano uscite dalle basi perché c’erano proteste nella altre città della provincia. I manifestanti hanno bruciato duebanche dei Guardiani e attaccato due basi dei Basij». Non è chiaro se tra i ribelli ci fossero anche persone armate. Dopo alcune ore le forze di sicurezza hanno circondato le due vie di accesso alla città. Finora si contano 3 vittime, ma gli attivisti temono nuovi morti e un repulisti. «L’intelligence sta arrestando le persone casa per casa, sappiamo di 60 fermi finora», dice a RepubblicaHengaw, una organizzazione non governativa curda riconosciuta dal governo norvegese. Le città curde sono storicamente un avamposo di opposizione alla Repubblica Islamica, e sonostate tra le prime a scendere in strada dopo la morte di Amini, che era curda, di Saqqez. Il governo accusa «i gruppi curdi terroristi e separatisti» di fomentare le rivolte. Ieri mattina, da Oshnavieh, i Guardiani hanno colpito con l’artiglieria oltreconfine, sulle montagne irachene dove hanno le basi i gruppi di opposizione curdi accusati di aver fatto entrare «armi nelle città di confine per creare il caos nel Paese». «Propaganda di regime», la definisce un giornalista iraniano esperto che per ragioni di sicurezza chiede di restare anonimo, «provano a dividere i manifestanti, ma nessuno cantava slogan separatisti, le persone chiedono la fine della Repubblica Islamica e uno Stato democratico ». La repressione in queste aree è particolarmente dura, «finora sappiamo di almeno 17 morti e 844 persone ferite», dicono da Hengaw. Il bilancio a livello nazionale è ancora più pesante, almeno 50 morti - di cui secondo Amnesty International almeno 4 bambini - , centinaia di arresti, tra cui 17 giornalisti. Ma le proteste in corso da otto giorni continuano in tutto il Paese.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT