venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
15.09.2022 Volodymyr Zelensky: 'Libereremo tutti i territori invasi'
Cronaca di Daniele Raineri

Testata: La Repubblica
Data: 15 settembre 2022
Pagina: 14
Autore: Daniele Raineri
Titolo: «Il blitz di Zelensky nei territori liberati: 'Arriveremo in Crimea'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 15/09/2022, a pag. 14, la cronaca di Daniele Raineri dal titolo "Il blitz di Zelensky nei territori liberati: 'Arriveremo in Crimea' ".

Festival Internazionale del Giornalismo
Daniele Raineri


Volodymyr Zelensky

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato per una visita a sorpresa nella città appena liberata di Izyum, ieri, in quella che in termini militari è stata una sfilata sotto il naso del nemico — i soldati russi sono distanti tra i quindici e i venti chilometri, quindi molto poco per l’artiglieria. Fin dal primo giorno d’invasione, il 24 febbraio, la Russia considera Zelensky un bersaglio da assassinare e ha mandato squadre di infiltrati a Kiev per trovarlo. In zona non c’era alcuna connessione internet perché i militari russi l’hanno azzerata, è una procedura standard che hanno applicato in tutti i territori occupati ma questa volta ha favorito il blitz del presidente, che per ragioni di sicurezza doveva essere molto rapido. Senza connessione, la possibilità che la notizia filtrasse in tempo reale fino ai nemici era limitata. Lo staff del presidente ha spiegato che «se i russi in questo momento capissero cosa sta succedendo qui, ci lancerebbero contro un missile balistico». Zelensky ha camminato sul ponte di legno di cento metri con un pilone danneggiato da una bomba e le assi bucherellate dalle schegge che è diventato il passaggio principale per chi vuole entrare a Izyum, perché i ponti stradali sono stati distrutti dai bombardamenti. L’ottanta per cento della città è devastato da mesi di scambi di artiglieria ed è ridotto «peggio di Mariupol», secondo unsoldato di guardia alla piazza centrale. Poi è arrivato davanti al palazzo del municipio e ha abbracciato il generale Oleksandr Syrskyi, che è lo stratega di questa controffensiva che nel giro di una settimana ha travolto la Russia nel Nord-Est ucraino, e ha parlato a braccio ai soldati. Non c’era un microfono, non c’era podio, i militari erano soltanto una trentina — una concentrazione che non attira l’attenzione — e tre furgoni anonimi si sono piazzati sul marciapiede ad attenderlo: tutti accorgimenti per non rivelare che il presidente ucraino camminava alla luce del sole invece che chiuso nel palazzo- bunker di Kiev da dove opera di solito. Cinque minuti prima erano sbucati dal nulla un paio di cecchini che si sono posizionati su un edificio che affaccia sulla piazza. Zelensky ha detto ai soldati che gli occupanti hanno commesso nelle città appena liberate crimini come quelli di Bucha, il sobborgo di Kiev dove a marzo i russi uccisero centinaia di civili. A un suo gesto un soldato ha alzato la bandiera gialla e blu, è partito l’inno nazionale da una cassa portatile e poi ci sono stati un paio di minuti di foto ricordo con i militari. Infine Zelensky ha accettato di rispondere a un paio di domande della stampa internazionale - ma senza traduzione dall’ucraino all’inglese perché non c’è tempo, ha avvertito il suo addetto stampa . Qual è il suo messaggio da Izyum per la gente della Crimea? «Dovremmo mandare messaggi alla nostra gente, dovunque essi siano ancora sotto occupazione. Il mio messaggioal popolo della Crimea è: sappiamo che è il nostro popolo ed è una terribile tragedia che siano sotto occupazione da più di otto anni. E naturalmente in questo tempo molti di loro possono essere cambiati, specialmente i bambini, che sono sotto attacco non soltanto con le armi ma anche con la guerra d’informazione. Lo sapete meglio di me, siete giornalisti, la guerra d’informazione è molto forte e i russi attaccano con la televisione e i media mentre occupano il nostro territorio. Per i bambini sarà molto difficile quando verremo, ma il messaggio principale è che noi verremo, perché lo sappiamo — non importa tutto quello che hanno sentito in televisione dalla propaganda russa, non ci importa — la verità è dalla nostra parte e noi verremo. Non so quando e non lo sa nessuno, ma arriveremo perché è la nostra terra e la nostra gente», dice aRepubblica . Al contrario di quello che aveva detto il suo addetto stampa, risponde in inglese e così “We will come” diventa una buona sintesi del messaggio alla Crimea. Zelensky sparisce in direzione dei furgoni, i cecchini smontano dal tetto, i militari si disperdono, i giornalisti sono invitati a fare altrettanto. «Non si sa mai, restare qui è pericoloso». Quando la notizia esce, un’ora più tardi, i commentatori russi dei canali di guerra su Telegram schiumano di rabbia: com’è possibile che il bersaglio più desiderato dalla Russia venga a fare una passeggiata sfacciata a ridosso del fronte? Sul ponte di legno comincia il via vai incredulo dei civili, che sono stati sotto occupazione dall’inizio di aprile a cinque giorni fa. Yuri, capelli brizzolati, in bicicletta, dice che «sono stato in Afghanistan da soldato (negli anni Ottanta, quando l’Unione Sovietica invase l’Afghanistan) e nemmeno durante quella guerra ho visto le cose che ho visto qui. Per prendere Izyum, i russi l’hanno rasa al suolo. Quando erano in città rubavano tutto, anche le galline. Quando sono andati via non ce ne siamo accorti perché l’hanno fatto durante il coprifuoco. Siamo usciti di casa e non c’erano più».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT