martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
06.09.2022 Ottant’anni dopo il ritorno in classe degli ebrei espulsi dalle leggi razziali
Cronaca di Maria Cristina Carratù

Testata: La Repubblica
Data: 06 settembre 2022
Pagina: 21
Autore: Maria Cristina Carratù
Titolo: «Ottant’anni dopo il ritorno in classe degli ebrei espulsi dalle leggi razziali»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 06/09/2022, a pag. 21, l'analisi di Maria Cristina Carratù dal titolo "Ottant’anni dopo il ritorno in classe degli ebrei espulsi dalle leggi razziali".

Diritti: a Rondine la scuola restituita a nove ex alunni ebrei vittime  delle leggi razziali del 1938 / Italia / Home - Toscana Oggi

Sono tornati in aula con i capelli bianchi, recuperando, simbolicamente, il tempo perduto a causa della legge “per la difesa della razza nella scuola fascista’’, firmata dal re Vittorio Emanuele il 5 settembre 1938, giusto 84 anni fa, che cacciò o escluse dalle scuole pubbliche gli studenti “di razza ebraica’’. In 8, molti dei quali ultranovantenni, si sono ritrovati ieri mattina in un’aula tutta vetri e senza porte, ben diversa da quelle di allora, e dove siedono di solito gli allievi di Rondine Cittadella della pace, il borgo sulle colline dell’aretino trasformato nel 1998 da Franco Vaccari nello studentato internazionale World House, in cui giovani di tutto il mondo imparano a costruire nuove relazioni fra popoli e persone. Da 7 anni, in accordo col Miur e in collaborazione con l’Unione delle comunità ebraiche italiane, la Cittadella offre a 30 diciassettenni di tutte le regioni d’Italia la possibilità di frequentare con il metodo Rondine il quarto anno delle superiori, e ieri, 84esimo anniversario delle leggi razziali, l’anno scolastico si è aperto all’insegna della memoria. In cattedra il professore per un giorno Francesco Bei, vicedirettore di Repubblica, seduti ai banchi, fianco a fianco, gli ex allievi vittime dei tempi bui — Miriam Cividalli, Lello dell’Ariccia, Ugo Foà, Claudio Fano, Fabio Di Segni, Carla Neppi Sadun, Gianni Polgar, Nando Tagliacozzo — , e gli studenti di oggi. Tutti insieme, ha detto Franco Vaccari, per ricordare «che ogni ora e ogni giorno di scuola sono un valore preziosissimo». Testimonial, da remoto, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e la senatrice a vita Liliana Segre, amica di Rondine che ha ricordato la sua storia di «bambina di 7 anni esclusa dalla scuola, e diventata invisibile», invitando i giovani a battersi«perché l’indifferenza nonvinca». Un primo giorno «molto atteso», ha detto la presidente Ucei Noemi Di Segni, richiamando alla «responsabilità che ebbero all’epoca le istituzioni italiane» nell’avviare «contro i bambini il primo atto antiebraico », e invitando «chi si appresta oggi a governare l’Italia» ad essere «consapevole che questa parte di storia, subita non solo dagli ebrei ma da tutto il paese, è una storia di responsabilità istituzionali italiane».

Aise.it - Agenzia Internazionale Stampa Estero

Primo fra gli ex allievi a raccontarsi è Ugo Foà, 94 anni, che nel ‘38 si vide «strappato un diritto », ferito dall’umiliazione di «studiare da solo, in casa, senza più i compagni», i quali comunque lo ignorarono. Miriam Cividalli, 91 anni, racconta di quando, dopo aver partecipato, nel maggio del ‘38, alla festa scolastica in onore di Hitler in visita a Firenze, fu poi tenuta tutto il tempo isolata contro un muro; Fabio Di Segni del senso di vergogna nel leggere “di razza ebraica” sul proprio atto di nascita, Carla Sadun, 94 anni, «dello sgomento e dell’umiliazione» di quando, bambina, fu emarginata durante un esame, mentre Claudio Fano, padre ucciso alle Fosse Ardeatine, definisce «scuola apartheid» la sezione speciale ebraica delle scuole pubbliche. Lello dell’Ariccia, classe 1937, che da scuola non fu cacc iato ma escluso, spiega «che non fu un’esperienza migliore », Gianni Polgar definisce quella di oggi «un’esperienza nuova, non un risarcimento», e Nando Tagliacozzo, che nella Shoah ha perso padre, sorella, nonna, zii, si chiede: «L’Italia ha davvero fatto i conticon quanto è successo?». Gli allievi giovani applaudono e riflettono: «Ci si lamenta di problemi da nulla », dice Noemi da Pistoia, «e c’è chi non ha potuto godersi la vita».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT