martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
18.07.2022 Marina Ovsjannikova: nuovo arresto per la giornalista russa contro la guerra di Putin
Analisi di Rosalba Castelletti

Testata: La Repubblica
Data: 18 luglio 2022
Pagina: 13
Autore: Rosalba Castelletti
Titolo: «Nuovo arresto per la giornalista che portò il poster pacifista in tv»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 18/07/2022, a pag.13, l'analisi di Rosalba Castelletti dal titolo "Nuovo arresto per la giornalista che portò il poster pacifista in tv".

Immagine correlata
Rosalba Castelletti


Vladimir Putin

«Gde Marina?». Dov’è Marina? Ancora una volta non si hanno più notizie di Ovsjannikova, l’ex giornalista di Pervyj Kanal , Primo Canale, protagonista lo scorso marzo di una clamorosa irruzione durante il tg della sera con un poster pacifista. «È stata arrestata e le informazioni sulla sua posizione sono sconosciute », si legge sul suo canale Telegram accanto ad alcune foto che la ritraggono mentre due agenti di polizia la allontanano da una bicicletta e la scortano verso un cellulare. Venerdì scorso Marina Ovsjannikova aveva manifestato sulla sponda opposta della Moscova rispetto al Cremlino con un cartello in mano: «Putin è un killer e i suoi soldati fascisti. Hanno ammazzato 352 bambini. Quanti altri volete ucciderne prima di fermarvi? ». Tre giorni dopo il fermo è confermato dal suo avvocato, Dmitrij Zakhvatov: «La sto cercando». Era successa la stessa cosa il 14 marzo. Per ore dopo il suo blitz per denunciare le «balle» della propaganda russa su quella che qui si può chiamare solo “operazione militare speciale”, di Ovsjannikova non si era saputo nulla finché non era riemersa nella stazione di polizia di Ostankino ed era stata condannata a pagare una multa da 30mila rubli (535 euro al tasso di cambio attuale) per “organizzazione di un evento pubblico non autorizzato”.

Gde Marina?
Marina Ovsjannikova. A sinistra la sua protesta in diretta tv


Il mondo intero aveva tirato un sospiro disollievo. Ma molti avevano iniziato a dubitare: in tanti in Russia sono finiti in carcere per molto meno, perché Ovsjannikova se l’era cavata con così poco? Non solo: com’era stato possibile che una producer raggiungesse lo studio del tg senza essere intercettata dalle forze di sicurezza? E perché erano trascorsi ben 4 secondi prima che qualcuno interrompesse la trasmissione? Dubbi che si erano moltiplicati quando poi il 27 marzo Ovsjannikova aveva preso parte alla trasmissione Che tempo che fa?suRai3 lamentandosi delle sanzioni occidentali: «È la gente comune a soffrirne principalmente. Mia madre disabile non può acquistare le medicine necessarie. Mia figlia non può pagare la mensa scolastica. Non c’è zucchero sugli scaffali dei negozi, olio e prodotti per l’igiene stanno finendo». Tanto che molti in Ucraina non hanno più avuto dubbi che la protesta di Ovsjannikova e la sua successiva intervista altro non fossero che una studiata “Psyop”, “operazione psicologica” dei servizi segreti russi per perorare in Occidente la revoca delle sanzioni. Ovsjannikova si è sempre difesa. «In Ucraina mi odiano e mi credono una spia dell’Fsb, in Russia pensano che sia una spia britannica... Quelle frasi sulle sanzioni le ho dette prima di aver visto il massacro di Bucha, ora ho cambiato idea! Ora sono convinta che l’offensiva in Ucraina sia una responsabilità collettiva dei russi e che la comunità internazionale debba colpire la Federazione con più sanzioni di quante ne ha già approvate », ha detto lo scorso giugno aRepubblica . E venerdì ha tenuto un picchetto di protesta contro le morti dei bambini in Ucraina per dimostrare che fa sul serio. Chissà se dopo l’ultimo arresto verrà creduta.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT