martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
18.07.2022 Kiev: epurazioni indispensabili
Cronaca di Paolo Brera

Testata: La Repubblica
Data: 18 luglio 2022
Pagina: 13
Autore: Paolo Brera
Titolo: «Le purghe di Zelensky scuotono Kiev. Cacciati giudici e capi dei servizi»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 18/07/2022, a pag. 13, con il titolo "Le purghe di Zelensky scuotono Kiev. Cacciati giudici e capi dei servizi" la cronaca di Paolo Brera.


Zelensky, decisioni coraggiose, indispensabili

In piena guerra, nel momento più delicato dell’assalto finale al Donbass, un vero terremoto politico scuote i centri del potere a Kiev. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha silurato la procuratrice generale, Irina Venediktova, e il capo del servizi segreti, Ivan Bakanov. Sono due tra le cariche apicali, più delicate per l’equilibrio dei poteri e più indipendenti in un Paese in cui vige la legge marziale, e in cui i media sono vincolati a un unico telegiornale nazionale a reti unificate. Per il presidente era indispensabile agire subito: è in gioco «la sicurezza nazionale», ha detto. La notizia è ufficiale, i decreti di rimozione sono pubblicati sul sito della Presidenza: «In conformità con la legge “sul regime legale della legge marziale” decido di rimuovere Venediktova Irina Valentinovna dalla carica di procuratore generale», scrive Zelensky. Al suo posto ha nominato Oleksiy Yuryevich Symonenko. Con una decisione altrettanto sorprendente, «in conformità con la Carta disciplinare delle forze armate» Zelensky rimuove il suo amico di sempre, Ivan Gennadyevich Bakanov, «da presidente del servizio di sicurezza ». Cioè da capo dei Servizi segreti,il potente Sbu. Zelensky ha spiegato così, ieri sera, la decisione nei confronti di Venediktova, la celebre procuratrice sul cui tavolo pesano i dossier sui crimini di guerra russi già costati la testa all’ex ombudsman Lyudmila Denisova (accusata di inventarsi reati falsi e inverosimili per appesantire quelli già di per sé enormi). «Ad oggi — dice — sono stati registrati 651 procedimenti penali riguardanti alto tradimento e attività di collaborazione di dipendenti di procure, organi di indagine preliminare e altre forze dell’ordine. Più di 60 dipendenti della Procura e della Sbu sono rimastinel territorio occupato e stanno lavorando contro il nostro Stato. Una tale serie di crimini contro le basi della sicurezza nazionale dello Stato, e le connessioni registrate tra le forze di sicurezza ucraine e i servizi speciali russi pongono domande molto serie ai leader interessati. Ognuna di queste domande riceverà una risposta adeguata». Non è finita. Sempre ieri il Servizio di sicurezza e l’Ufficio investigativo statale hanno arrestato l’ex capo della Sbu in Crimea, Oleh Kulinich, già licenziato lo scorso marzo. Sull’ufficio di Bakanov già da giorni volavano neri avvoltoi: i successi russi della prima ora nel sud, e la leggerezza con cui non fu impedita la rapida conquista di Kherson facendo saltare il ponte Antonovskiy sul fiume Dnepr, aveva creato un muro tra lui ed il presidente, del quale era amico di infanzia, ex manager e capo della campagna elettorale. Secondo Politico , che aveva anticipato la possibile rimozione, Zelensky imputava la caduta della città strategica e fedele a Kiev a decisioni assunte contravvenendo i suoi ordini. Il generale Serhiy Kryvoruchko, capo dello Sbe di Kherson, ordinò ai suoi ufficiali di evacuare prima che i russi lanciassero l’assalto. E il colonnello Igor Sadokhin, suo assistente, avrebbe rivelato ai russi la mappa delle mine e addirittura corretto la traiettorie di attacco aereo. E intanto la guerra è in una fase delicatissima. La “pausa tecnica” è finita: i russi si preparano all’attacco al cuore del Donbass, mentre Mosca minaccia apertamente «la fine del mondo». Ad alzare il fuoco è ancora una volta l’ex presidente russo Dmitry Medvedev, definendo «una minaccia sistemica» il rifiuto di Nato e Ucraina di riconoscere la Crimea come russa. «Se un altro nazionalista pazzo o un personaggio da operetta diventasse capo dello Stato in Ucraina, dovremmo aspettarci un conflitto », dice Medvedev. E se Kiev attaccasse la Crimea la risposta russa sarebbe «da fine del mondo, immediata e inevitabile». Medvedev è «una piccola persona dimenticata dalla Storia che cerca di mostrarsi minacciosa ma suscita solo pietà», replica il consigliere di Zelensky, Mikhailo Podolyak.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT