venerdi 30 settembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
17.07.2022 Albert Bourla: 'Vaccini anti-varianti pronti in tre mesi'
Commento di Antonello Guerrera

Testata: La Repubblica
Data: 17 luglio 2022
Pagina: 23
Autore: Antonello Guerrera
Titolo: «Il presidente di Pfizer: 'Vaccini anti varianti pronti in tre mesi ma che fatica per l’ok'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 17/07/2022, a pag.23, con il titolo "Il presidente di Pfizer: 'Vaccini anti varianti pronti in tre mesi ma che fatica per l’ok' " l'intervista di Antonello Guerrera.

Immagine correlata
Antonello Guerrera

Vaccini: ad Pfizer, serviranno richiami per diversi anni - SWI swissinfo.ch
Albert Bourla

«Nuovi vaccini anti Covid pronti in meno di 100 giorni e molto efficaci. Se solo le agenzie del farmaco fossero più rapide ad approvarli… ». Albert Bourla, 60 anni, greco e di famiglia ebrea sefardita scampata per un soffio all’Olocausto, è un ex veterinario ma soprattutto il presidente e amministratore delegato di Pfizer. Insieme a Moderna, AstraZeneca e il suo partner di ricerca tedesco Biontech, il gigante farmaceutico americano è stato decisivo nel tirare il mondo fuori dai lockdown e dalla prima drammatica emergenza Coronavirus grazie ai vaccini, in questo caso a tecnologia mRna, realizzati in poco più di un anno. Un’impresa della scienza che ha portato anche enormi profitti: circa 33 miliardi di euro di entrate dal vaccino Pfizer solo nel 2021. Bourla parla con Repubblica e i membri del think tank Chatham House, in una conversazione “onthe record”. Condanna innanzitutto quella «piccola parte della comunità scientifica che con la sua disinformazione sui vaccini ha fuorviato una limitata ma significativa quantità di cittadini. Sono criminali». Poi il gran capo di Pfizer se la prende con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), «che pensa più alla politica invece di preparare i Paesi in via di sviluppo ad accogliere e distribuire i vaccini: abbiamo centinaia di milioni di dosi ferme in frigo, possiamo offrirle praticamente gratis. Ma, oltre a una cultura locale più avversa ai vaccini, se l’Oms non prepara le basi, le strutture e un’informazione adeguata per i vaccini in quei Paesi…». Bourla loda il settore privato, che ha avuto un «successo straordinario nei vaccini mentre le istituzioni pubbliche hanno mostrato falle e impreparazione a eventi del genere ». Aggiunge che «i vaccini antiOmicron stanno arrivando», in autunno, «e che il ritardo è dovuto al fatto che le agenzie del farmaco europee e americane stanno chiedendo più dati e informazioni, rispetto all’inizio della pandemia. Inoltre, i parametri richiesti» dalle due sponde dell’oceano «sono diversi e quindi bisogna preparare un prodotto che soddisfi tutti». In ogni modo, «presto avremo ottimi vaccini anti Omicron», promette Bourla, «e, grazie alla tecnologia mRna, saremo in grado di produrne di nuovi in meno di cento giorni, se le agenzie del farmaco li approvassero più rapidamente». Ma non c’è il rischio che la loro efficacia venga ridotta dalle continue e velocissime mutazioni di Omicron? «No. Non dimentichiamo che Omicron è stata una mutazione molto significativa dal Coronavirus, ma arrivata dopo un anno e mezzo di pandemia: dunque, il nuovo vaccino anti Omicron sarà sicuramente molto efficace per tutte le mutazioni che verranno nei mesi successivi». Alla domanda se continueremo ad assumere vaccini anti Covid per 5 o forse 10 anni, Bourla risponde «sì. Ma se insistiamo con le vaccinazioni e lo sviluppo degli attuali farmaci anti Covid, allora il coronavirus diventerà come un’influenza: non come malattia, perché il Covid è più grave, ma a livello di impatto sulla sanità pubblica». Ma non c’è il rischio di una “stanchezza” della popolazione per le vaccinazioni anti Covid, come già visto per le terze dosi? «Può essere, per questo dobbiamo puntare a un vaccino all’anno: darebbe molta più fiducia anche ai cittadini più scettici. Inoltre, la tecnologia mRna sarà utilizzata contro il cancro e le malattie genetiche. Siamo solo all’inizio».

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT