martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
10.07.2022 Scontro di accuse Usa-Cina
Cronaca di Paolo Mastrolilli

Testata: La Repubblica
Data: 10 luglio 2022
Pagina: 9
Autore: Paolo Mastrolilli
Titolo: «Blinken accusa Pechino, Wang: 'Usa sinofobi'»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 10/07/2022 a pag.9 con il titolo "Blinken accusa Pechino, Wang: 'Usa sinofobi' " la cronaca di Paolo Mastrolilli.

Guerra in Ucraina, Biden su Putin:
Joe Biden

L’America accusa la Cina di appoggiare l’aggressione russa in Ucraina, e Pechino risponde rimproverando agli Usa di essere diventati «sinofobi». Però almeno si parlano, a differenza di quanto accade con Mosca, e nei prossimi giorni è attesa una telefonata tra i presidenti Joe Biden e Xi Jinping, per cercare un terreno comune su come stabilizzare il caos provocato da Vladimir Putin, e magari prendere appuntamento per il primo incontro di persona al G20 di Bali a novembre. Sono i timidi passi compiuti nell’incontro di ieri tra i ministri degli Esteri Antony Blinken e Wang Yi, durato oltre 5 ore. I due si sono visti a margine del vertice dei capi delle diplomazie dei G20, organizzato sull’isola indonesiana per preparare l’appuntamento autunnale tra i leader. Blinken è andato all’attacco: «Sono passati oltre quattro mesi dall’inizio di questa brutale invasione, e la Repubblica popolare ancora sostiene la Russia. Non mi sembra che il suo atteggiamento suggerisca neutralità ». E anche se fosse, a questo punto sarebbe difficile difendere una posizione neutrale: «C’è un chiaro aggressore. C’è una chiara vittima ».

China's Wang Yi says direction of U.S.-China ties in danger of going  'astray' | Reuters
Wang Yi

Wang ha risposto così: «Moltepersone credono che gli Usa soffrano di sinofobia. Se verrà consentita l’espansione di questa minaccia, la politica degli Stati Uniti verso la Cina finirà in un vicolo cieco senza uscita». Washington aveva sperato che Pechino, in base al principio della non ingerenza a cui tiene tanto, avrebbe preso le distanze dall’aggressione di Putin. Invece Xi gli aveva promesso un’alleanza «senza limiti», nell’incontro durate le Olimpiadi, e non ha fatto passi indietro, anche se non ha fornito armi a Mosca e si è limitata a comprare il suo petrolio. Questa per gli americani è la prova che i cinesi non sono pronti a svolgere il ruolo di superpotenza responsabile che rivendicano. Biden però valuta di togliere alcune tariffe imposte da Trump, per contrastare l’inflazione, e spera che ciò possa riaprire il dialogo con Xi, convincendolo ad impegnarsi per spingere Putin a fermarsi. Gli Usa restano convinti che Pechino, per quanto leader della sfida lanciata dalle autocrazie, non voglia il caos globale provocato dalla guerra in Ucraina e abbia la capacità di pesare per chiuderla.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT