martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
05.07.2022 Draghi in Turchia: dossier energia
Cronaca di Tommaso Ciriaco

Testata: La Repubblica
Data: 05 luglio 2022
Pagina: 9
Autore: Tommaso Ciriaco
Titolo: «E il premier vola da Erdogan per assicurare le forniture»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 05/07/2022 a pag.9 con il titolo "E il premier vola da Erdogan per assicurare le forniture" la cronaca di Tommaso Ciriaco.

Draghi-kombat dichiara guerra Turchia Spezzeremo reni ai turchi? - Tiscali  Notizie
Recep T. Erdogan - Mario Draghi

Due visite in parallelo, a poche ore di distanza l’una dall’altra. Legate da un filo conduttore che risponde al nome di crisi energetica. Nonché dalla necessità di sottrarsi alla dipendenza russa per le forniture del gas. Non è l’unico tema in agenda, ma c’è soprattutto questo che unisce, tra ieri e oggi, la visita del capo dello Stato Sergio Mattarella in Mozambico con la trasferta del premier Mario Draghi e di mezzo governo in Turchia. Due missioni diplomatiche ai massimi livelli che servono per rafforzare le relazioni con chi possiede o in qualche modo controlla i flussi di materia prima. Perché è vero che il governo ha già predisposto un piano di emergenza per passare l’inverno nel caso in cui il Cremlino decida all’improvviso di tagliare le esportazioni di gas naturale verso la Ue, Italia compresa. Un piano che si basa soprattutto sull’aumento nei prossimi mesi delle forniture dall’Algeria (fino a 8-9 miliardi) e via nave sotto forma di Gnl, il gas naturale liquefatto che dovrebbe arrivare da Qatar e Stati Uniti. Ma, allo stesso tempo, è interesse dell’Italia lavorare in anticipo per aprire nuovi canali e, soprattutto, avere la certezza che rimangano aperti anche per i prossimi inverni. Ecco perché diventa fondamentale un paese con il Mozambico. Nel nord del paese, sono stati individuati alcuni dei giacimenti off shore più ricchi di gas al mondo, con riserve stimate fino a 2.400 miliardi di metri cubi. Qui opera dal 2006 anche il gruppo Eni, che ha due concessioni, una che sta sfruttando da sola e l’altra assieme agli americani di ExxonMobil. Le prime navi con carichi di Gnl prenderanno la via del mare con la fine dell’anno: si tratta di contratti già sottoscritti con clienti sia occidentali che asiatici. Ma le quantità sono tali per cui non è difficile prevedere l’apertura di possibili trattative per successive forniture. Non se ne occupa ovviamente Mattarella. Ma con la sua visita il presidente rafforza le relazioni bilaterali, anticipando una possibile visita di Mario Draghi che potrebbe avvenire nel prossimo mese di settembre. A sua volta, il premier affronterà oggi il tema energia durante la sua visita ufficiale in Turchia. Non sono esclusi ragionamenti attorno all’aumento dei flussi che dal Trans-Anatolian Pipeline arrivano al Tap, ma senza spendersi in progetti di vasta portata come quellidel raddoppio dei tubi. E lo stesso vale per il percorso che da Israele alla Turchia potrebbe condurre energia in Europa. Resta il fatto che Erdogan detiene per influenza e posizione geografica il pallino del transito energetico da Est e Ovest. Ed è strategico anche solo per assicurarsi un aumento dell’importazione di gas liquefatto, che verrebbe poi rigassificato a destinazione. La missione, a cui parteciperanno anche i ministri Lorenzo Guerini, Luigi Di Maio, RobeCingolani, Giancarlo Giorgetti e Luciana Lamorgese, porterà a siglare diversi patti bilaterali. Cruciale il ruolo del ministro della Difesa, anche per affrontare il nodo dei giacimenti di gas Eni a Cipro, dove il gruppo italiano lavora come altre grandi compagnie attorno al giacimento “Leviathan”, e rafforzare le relazioni nel settore dell’industria bellica. Senza dimenticare l’obiettivo di ridurre i flussi migratori illegali (triplicati del 2021 sulla rotta del Mediterraneo orientale) e di stabilizzazione del quadro libico, fondamentale per l’attività di Eni nel tentativo di aumentare le forniture verso l’Italia. Infine la partita del grano ucraino. Restano alcune resistenze di Kiev, preoccupata dal rispetto dei patti da parte di Putin. L’ex banchiere, tra i leader europei con il rapporto migliore con Zelensky, si muoverà direttamente con il presidente ucraino per offrire ulteriori garanzie e rendere accettabile un accordo sul piano elaborato da Onu e Turchia.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT