venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
19.06.2022 Zelensky: 'Lottiamo per vincere'
Cronaca di Paolo Brera

Testata: La Repubblica
Data: 19 giugno 2022
Pagina: 8
Autore: Paolo Brera
Titolo: «Zelensky va a Odessa: 'Lottiamo per vincere'. Nuove minacce da Mosca»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 19/06/2022, a pag. 8, con il titolo "Zelensky va a Odessa: 'Lottiamo per vincere'. Nuove minacce da Mosca" la cronaca di Paolo Brera.


Volodymyr Zelensky

Per la terza volta in dieci giorni, ieri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha abbandonato la relativa sicurezza della capitale per visitare i soldati in prima linea, e stavolta è toccato al versante più delicato e strategico: il fronte sud. È stato a Mykolaiv e a Odessa, ha stretto mani e concesso onorificenze, poi ha ringraziato del coraggio e ha ribadito che l’obiettivo del governo non è cambiato di una virgola: «Non smettiamo di lavorare per la vittoria dell’Ucraina». A Odessa ha discusso anche di come organizzare un corridoio sicuro per il grano. Il fronte sud è la possibile “fase tre” di questa guerra che non accenna a fermarsi. La più difficile, la più profonda: se i russi decidessero di andare oltre il tentativo di prendersi l’intero Donbass, Mykolaiv sarebbe la porta principale per puntare a Odessa e completare la conquista della fascia costiera del mar Nero fino alla Transnistria, uno dei principali obiettivi che il Cremlino avrebbe voluto ottenere per cantar vittoria. Per questo Zelensky è andato dritto a Mykolaiv e poi ha raggiunto Odessa, oggi inespugnabile dal mare ma non da terra: se i russi volessero provare a prenderla, è lì che dovrebbero sfondare. Mentre la guerra si fa più dura, con perdite di soldati ucraini ormai drammatiche per un popolo di 44 milioni di abitanti, Zelensky torna dunque a motivare i suoi uomini al fronte. A fine maggio il presidente aveva sorpreso tutti apparendo all’improvviso a Kharkiv, la città martire liberata nel nordest. Alla fine della prima settimana di giugno aveva invece puntato sul Donbass, dove è più forte la pressione militare russa: era andato a rincuorare i soldati asserragliati a Lysychansk, sulla collina da cui si domina lo snodo cruciale di Severodonetsk: ancora oggi è lì che infuria la battaglia principale. La maggior parte della città è nelle mani degli invasori russi, ma continua ad essere contesa. Ieri i russi hanno conseguito qualche vantaggio nell’assalto di Metolkine, un villaggio nell’immediata periferia orientale di Severodonetsk, ma la città non è caduta. Si levano funghi di esplosioni, si combatte, si muore. E da Mosca non arrivano segnali incoraggianti di un eventuale ripresa dei negoziati: «L’Ucraina come la conoscevamo, all’interno di quei confini, non esiste più. E non ci sarà più, è ovvio», ha detto ieri la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT